Prima Pagina>Esteri>Chi sta contro chi nella Libia lacerata da milizie, tribù e interessi stranieri
Esteri

Chi sta contro chi nella Libia lacerata da milizie, tribù e interessi stranieri

haftar contro serraj blocchi libia

Un caccia dell’Esercito nazionale libico di Khalifa Haftar, fornito dagli Emirati Arabi Uniti, è stato abbattuto dalla contraerea del Governo di accordo nazionale di Tripoli, con un missile fornito dal Qatar: il complesso intreccio di alleanze che sta dietro alla battaglia di Tripoli tr Fayez al-Serraj e Khalifa Haftar può essere riassunto in questa azione. Fra tribù, milizie e interessi stranieri, lo scacchiere libico non è mai stato semplice. E si è complicato ancora di più da quando il vento della Primavera araba spazzò via, nel 2011, il regime del colonnello Muammar Gheddafi.

. A ovest, nella Tripolitania, l’autorità è stata affidata al fragile Governo di accordo nazionale, voluto dall’Onu con gli accordi di Skhirat e sostenuto, almeno sulla carta, dalla comunità internazionale, sotto il comando dell’ex ingegnere civile Fayez al-Serraj.

haftar contro serraj blocchi libia

Libia, truppe di Haftar

Dall’altra parte, nella Cirenaica, a est, ha sempre comandato – grazie anche alla forza – il maresciallo Khalifa Haftar, che con il suo Esercito nazionale libico fece la guerra a Gheddafi, del quale era stato comandante della forza armata, e agli islamisti. Ogni tentativo di unire il Paese con la diplomazia finora è franato. A poco sono servite la Conferenza di Palermo del novembre scorso e il successivo summit di Dubai del 27 febbraio dove i due principali contendenti si erano promessi di lavorare per elezioni nazionali che potessero dare al Paese una guida legittima.

Il 4 aprile scorso l’uomo forte della Cirenaica ha deciso tuttavia di preferire le bombe alle urne, e lanciato la sua offensiva finale su Tripoli. Il suo esercito al momento ha dimostrato più di una falla, a vantaggio della resistenza delle milizie improvvisate. La mossa di Haftar, che si traduce in una campagna anti Fratelli musulmani (punto di riferimento per il governo di Tripoli), arriva dopo una serie di consultazioni con cui ha ottenuto l’appoggio dei principali sostenitori.

haftar contro serraj blocchi libia

 Alessandro Serranò

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontra il Presidente del Consiglio Presidenziale del Governo di Accordo Nazionale della Libia, Fayez al Serraj.

La più importante il 27 marzo, quando Haftar si recò a Riad, dove – secondo quanto scritto dal Wall Street Journal – ottenne dai reali sauditi la promessa di un finanziamento di decine di milioni di euro. Il flusso di denaro non è mai mancato, invece, dagli Emirati Arabi, che hanno da sempre dato man forte, fornendo anche il sostegno dei consiglieri militari sul posto, appoggiando l’avanzata di Haftar. A completare l’alleanza araba anti Serraj è l’Egitto di Abdel Fattah al-Sisi, da cui domenica Haftar è volato per ottenere il pieno consenso alla sua operazione. Sul fronte internazionale, principale sponsor – mai ufficialmente – è Parigi che ha sempre ritenuto il maresciallo una garanzia per i propri interessi sul campo.

haftar contro serraj blocchi libia

 Afp

 Libia, scontri a Tripoli

Washington, che per due decenni ha offerto asilo all’ex capo di stato maggiore di Gheddafi, preferisce mantenere le distanze per evitare eccessivo protagonismo nell’area. Cosi’ come la Russia che, dopo aver sostenuto Haftar, in pubblico parla di equidistanza tra le parti. Serraj può godere invece del sostegno, diplomatico, dell’Onu e dell’Italia. Sul piano militare i suoi principali alleati sono Turchia e Qatar.

haftar contro serraj blocchi libia

Filippo MONTEFORTE / AFP
 

 Giuseppe Conte e il generale Haftar alla conferenza di Palermo sulla Libia

Non è un caso che oggi a Roma il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, abbia ospitato il vice premier libico, Ahmed Maitig, e il vice premier del Qatar, Mohammed Al-Thani. Quello di Maitig è un ruolo chiave nella battaglia non tanto perché vice premier quanto perché principale esponente di Misurata, i cui 15 mila combattenti da sempre proteggono la capitale. Al loro fianco, altri combattenti – sono 300 le milizie attive nel Paese – delle forze di Zintan, la Rada Special Force, e la brigata Nawasi.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi