L’incontro a sorpresa tra il presidente sudcoreano Moon e il nordcoreano Kim al confine tra i due Paesi riapre la strada che porta all’incontro del 12 giugno a Singapore con Donald Trump. “Il summit sarà un successo”, auspicano

Washington (Stati Uniti) – Un team della Casa Bianca si recherà a Singapore “preparare il vertice del 12 giugno tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il leader nordcoreano, Kim Jong Un. Lo ha reso noto la Casa Bianca poche ore dopo l‘incontro a sorpresa tra Kim e il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

 Trump, che giovedì scorso aveva annullato il vertice chiamando in causa “la straordinaria rabbia e l’ostilità aperta” di Pyongyang, venerdì è tornato sui suoi passi dopo che un alto diplomatico aveva detto che il regime nordcoreano era disposto a un incontro “in qualsiasi momento“. In un tweet, Trump ha poi sostenuto che è probabile che il summit si tenga lo stesso il 12 giugno. “Stiamo parlando con loro”, ha aggiunto, “lo vogliono tremendamente, ci piacerebbe tenerlo“.

E poco dopo l’annuncio, in modo del tutto inaspettato il presidente sudcoreano ha incontrato il giovane dittatore sul lato nord della zona smilitarizzata, nel villaggio di Panmunjom, che separa le due Coree “al fine di garantire un vertice Stati Uniti-nord Corea di successo“, tanto che Kim alla fine ha espresso la sua ferma volontà di incontrare il presidente americano Donald Trump.

Stiamo procedendo molto bene“, gli ha fatto eco il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, a margine dell’incontro alla Casa Bianca del cittadino americano Josh Holt appena rientrato negli Usa dal Venezuela rilasciato dopo due anni di detenzione. “Incontri sono in corso proprio in questo momento“, ha aggiunto, insistendo sul fatto che “c’è molta buona volontà e che la denuclearizzazione della Penisola coreana sarebbe una grande cosa“. Il presidente Usa ha anche notato che i colloqui fra il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente sudcoreano Moon Jae-in “sono andati molto bene“.

Durante il summit le due Coree sono d’accordo che l’incontro tra Nord e Stati Uniti del 12 giugno a Singapore “debba essere tenuto con successo“, aggiungendo che le parti hanno convenuto che la “denuclearizzazione della penisola e la creazione della pace permanente non possano essere fermate“.

Moon, a Washington da lunedì a mercoledì scorsi, ha spiegato che il suo incontro a sorpresa con Kim è maturato su esplicito suggerimento del leader nordcoreano, che venerdì ha espresso la speranza di avere “un dialogo sincero“.

Mentre illustravo l’esito del vertice con Trump, ho riferito il messaggio del presidente Usa che è fermamente disposto a chiudere le ostilità con la Corea del Nord e il rafforzamento della cooperazione economica dovrebbe portare Kim a prendere una decisione sulla completa denuclearizzazione“, ha detto Moon.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *