Prima Pagina>Esteri>È finita malissimo la storia di Trevor, l’anatra più sola del mondo
Esteri

È finita malissimo la storia di Trevor, l’anatra più sola del mondo

anatra sola trevor 

 Trevor the Duck – Niue / Facebook

 L’anatra Trevor

Trevor era probabilmente l’anatra più famosa del mondo, certamente la più famosa tra quelle reali e non disegnate per un cartone animato.

Tutti i giornali circa un anno fa avevano parlato del suo miracoloso arrivo sulla piccola isola di Niue, in pieno Oceano Pacifico, vagamente a largo della Nuova Zelanda.

Una storia che, come si suol dire, aveva commosso il web: un’anatra solitaria, come era stata ribattezzata essendo arrivata sola sull’isola ed essendo l’unico esemplare presente. Un’unicità che aveva fatto breccia nel cuore degli abitanti che avevano accudito Trevor quando aveva deciso di sistemarsi, essendo l’isola sprovvista di fiumi e laghi, suoi habitat naturali, in una pozzanghera.

Una notorietà sbarcata anche sui social grazie a Rae Findlay, capo della Camera di commercio di Niue, che aveva deciso di dedicarle anche una pagina Facebook. Anche lui comunque incapace di spiegare come sia stato possibile l’arrivo di Trevor sul loro piccolo lembo di terra: “Si è presentato a Niue a gennaio dello scorso anno dopo una grande tempesta, pensiamo che abbia volato o sia stato spinto dal vento fino a qui”.

Ma a Niue Trevor, chiamato così in onore di un politico neozelandese, ha trovato una vera casa: frequenti erano le sue passeggiate nei giardini degli abitanti che gli offrivano volentieri piselli, mais e avena. E nonostante fosse l’unica anatra nel giro di parecchie migliaia di km era riuscita anche a farsi degli amici: un gallo, un pollo e un weka, che è un uccello tipico dell’isola, che vivevano tutti vicino alla pozzanghera di Trevor, rifornita d’acqua dai vigili del fuoco locli quando le piogge non bastavano a mantenerla abbastanza profonda.

Una favola finita molto male, purtroppo: due giorni dopo la sua scomparsa dalla pozza il suo corpo senza vita è stato trovato tra i cespugli, ucciso da un branco di cani randagi. Una morte che ha rattristato l’intera isola, così come testimonia lo stesso Findlay alla BBC “Dopo un anno in giro con una borsa di avena nella mia macchina, mi mancheranno le fermate sulla strada da e per il lavoro per dare da mangiare a Trevor, ha catturato molti cuori e sicuramente ci mancherà”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi