Prima Pagina>Esteri>Hanno boicottato una tragedia di Eschilo perché sarebbe razzista
Esteri

Hanno boicottato una tragedia di Eschilo perché sarebbe razzista

tragedia Eschilo razzista

Riccardo Milani / Hans Lucas
 

Una manifestazione davanti alla Sorbona

Un gruppo di militanti antirazzisti ha impedito la rappresentazione della tragedia di Eschilo “Le Supplici” alla prestigiosa università parigina della Sorbona. Il classico greco è stato giudicato “razzista” perché alcune delle maschere indossate dagli attori – secondo la tradizione del teatro antico – erano nere: questo per interpretare le figlie di Danaos – le Danaidi – provenienti dall’Egitto, quindi dall’Africa. La scelta di utilizzare le maschere, al posto di volti anneriti, è stata fatta dal professor Philippe Brunet, uno dei maggiori esperti di Eschilo, qui nelle vesti di direttore artistico e regista della messinscena.

Il ricorso alle pratiche di scena dell’antichita’ ellenica non è pero’ piaciuta alla Lega di difesa nera africana (Ldna), al Consiglio di rappresentanza delle associazioni nere (Cran), e neanche all’Unef, il sindacato studentesco di sinistra. Una cinquantina di militanti di queste sigle ha organizzato un presidio lunedi’ sera, impedendo la rappresentazione e accusando la troupe di aver compiuto un “blackface” (l’uso di trucchi per trasformare delle persone di pelle bianca in individui di pelle nera, ndr).

In un comunicato, la presidenza della Sorbona ha condannato il boicottaggio. “Impedire con la forza e le ingiurie la rappresentazione di un’opera teatrale – scrive il vertice dell’università parigina – è un attacco grave e completamente non giustificabile, alla libertà di creazione”. E’ intervenuto anche il ministro della Cultura, Franck Riester, ha criticato le azioni delle associazioni antirazziste, bollandole come un “attacco senza precedenti alla libertà di espressione e di creazione nell’ambito universitario”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi