Prima Pagina>Esteri>La piccola Charlotte in lacrime al compleanno della bisnonna
Esteri

La piccola Charlotte in lacrime al compleanno della bisnonna

Anche i reali piangono. Soprattutto se hanno tre anni e cadono dalla sedia. L’occasione sono stati i festeggiamenti per il compleanno della bisnonna, la Regina Elisabetta II d’Inghilterra che ad aprile ha doppiato la boa delle 92 primavere

Durante i festeggiamenti per il novantaduesimo compleanno della Regina Elisabetta, nel bel mezzo della parata “Trooping the Colour”, la piccola Charlotte, secondogenita di William e Kate Middleton, è scivolata dalla sedia e si è spaventata moltissimo. Per questo è scoppiata a piangere, facendo intenerire i presenti. Non si è fatta male, perché la mamma è riuscita ad afferrarla un secondo prima di toccare terra: Però ha preso una bella paura.

Kate è stata bravissima, ha mostrato riflessi d’acciaio, perché non c’era momento peggiore, per la piccola Charlotte, per cadere dalla sedia: gli occhi di tutti infatti erano puntati verso l’alto perché stavano passando gli aerei della Royal Air Force britannica. Con un movimento fulmineo la mamma l’ha afferrata e poi ha iniziato a coccolarla e a riempirla di baci per farla smettere di piangere. Un “trattamento” che ha funzionato a perfezione perché alla principessina, dopo poco, è tornato il sorriso.

I sudditi inglesi amano molto Charlotte, che hanno definito “la principessa più dolce e monella d’Europa”. Secondo mamma Kate, sta crescendo molto in fretta e sa già il fatto suo. Quando accompagna i genitori a qualche appuntamento ufficiale, educatamente saluta la folla e i fotografi con la manina. Se i “paparazzi” scherzano con lei, Charlotte gli fa la linguaccia.

Fonti interne a Buckingham Palace hanno riferito che secondo il parere di tutti la principessina ha lo stesso carattere della bisnonna Elisabetta II: mette tutti in riga, ha uno sguardo fiero e molta sicurezza in sé stessa. Poveri George e Louis: i maschietti di casa sono loro, ma il vero boss è lei.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *