Prima Pagina>Esteri>Venezuela: sì del Parlamento agli aiuti ma i militari li bloccano
Esteri

Venezuela: sì del Parlamento agli aiuti ma i militari li bloccano

venezuela aiuti

RONALDO SCHEMIDT / AFP 

il presidente venezuelano Nicolas Maduro (Afp)
 

L’Assemblea nazionale (Parlamento) venezuelana, controllata dall’opposizione, ha approvato la strategia per l’ingresso nel Paese degli aiuti umanitari offerti dai governi stranieri, ma i militari hanno bloccato il ponte al confine con la Colombia per il passaggio di alimenti e medicinali, secondo quanto denunciato da un deputato oppositore. L’operazione logistica prevede, come “prime azioni”, l’ingresso di due convogli di camion, uno dalla città di Cùcuta in Colombia e l’altro da Paracaima, in Brasile.

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, nega l’ingresso degli aiuti, temendo l’inizio di un intervento militare americano nel Paese e il fatto che i militari abbiano bloccato i convogli è un segnale che l’esercito è ancora dalla sua parte. Quella degli aiuti umanitari è la nuova sfida dell’autoproclamato presidente ad interim, Juan Guaidó, riconosciuto da una quarantina di Paesi, tra cui 21 dell’Ue, ma non dall’Italia.

“Ci sono tra 250 mila e 300 mila venezuelani che rischiano di morire”, ha avvertito Guaidó, ribadendo la necessità di un “primo sostegno alla popolazione più vulnerabile”. Intanto la Croce Rossa si è detta disponibile a distribuire gli aiuti, ma solo quando saranno entrati in Venezuela.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi