Prima Pagina>Esteri>Vivere per quasi 100 anni con gli organi invertiti
Esteri

Vivere per quasi 100 anni con gli organi invertiti

organi invertiti

Famiglia Bentley via OHSU

Rose Marie Bentley 

Per 99 anni ha vissuto con gli organi invertiti ma non se ne è mai accorta. A scoprirlo sono stati, per caso, gli studenti di anatomia della Oregon Health and Science University di Portland.

Rose Marie Bentley era una delle pochissime persone che nascono con il “situs inversus“, una condizione congenita in cui gli organi si formano in posizione speculare rispetto alla normalità, come davanti a uno specchio. Prima di andarsene, Rose, morta quasi centenaria per cause naturali, aveva deciso di donare il suo corpo all’università per aiutare la ricerca. Lo stesso aveva fatto il marito.

Una fortuna per il gruppo di futuri dottori, che hanno potuto esaminare di persona l’anatomia di una persona così rara da trovare. “Credo – ha detto alla Cnn il professor Cameron Walker, docente di anatomia all’ateneo di Portland – che le probabilità di trovare un’altra persona come Rose Marie siano una su 50 milioni. Non penso che nessuno di noi dimenticherà quello che ha visto”.

L’arteria di destra del cuore era, in realtà, a sinistra. Lo stomaco, invece che a sinistra, era a destra, mentre il fegato risultava a sinistra. Questo “ribaltamento” degli organi colpisce un bambino ogni ventiduemila: solo tra il 5 e il 13 per cento supera i 5 anni di vita. Finora erano state due le persone che avevano vissuto più a lungo: un ragazzo di 13 anni e un uomo di 73. La vita della signora Bentley è sempre corsa parallela alla scienza. “Mia madre – ha raccontato la maggiore delle figlie, Patti Helig, 78 anni – sarebbe voluta diventare un’infermiera, ma non ne ha mai avuto la possibilità. Lo ha fatto solo come ausiliaria volontaria durante la seconda guerra mondiale. Era una sopravvissuta al vaiolo, tutte le volte che qualcuno la cercava per farsi raccontare la sua storia, era emozionata”.

Il fatto di avere gli organi in posizione opposta non ha mai rappresentato un problema né le ha causato fastidi. Solo al momento di essere operata di appendicite, il chirurgo lasciò una nota per dire che l’appendice non era dove si aspettava di trovarla. Ma la cosa non ebbe seguito. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi