Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! La vita è come un’eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che inviiJames Joyce

O bag sale in cattedra in nome del design d'eccellenza Made in Italy

Il successo in Italia e nel mondo del brand padovano diventano il tema di un corso di formazione per architetti e designer, che potranno anche proporre progetti innovativi da sviluppare con l'azienda. L'appuntamento a Torino, Milano, Verona e Padova
O bag organizza corsi per il design d'eccellenza

Padova - Una crescita vertiginosa in Italia e nel mondo (100 milioni di fatturato nel 2017 e circa 400 punti vendita aperti in meno di 10 anni di attività) e un prodotto capace di rinnovarsi ad ogni stagione, seguendo i gusti e i desideri del cliente. Sono queste le chiavi vincenti del brand O bag, un vero caso nel mondo della moda e del design made in Italy.

Da aprile a giugno il brand O bag e i suoi prodotti di successo (borse, occhiali, orologi, calzature, accessori per la casa) verranno analizzati e studiati da architetti, designer e studenti durante il corso di formazione pratico "Se una cosa non esiste la si progetta e crea" pensato e organizzato da Paolo De Lucchi in collaborazione con O bag.

Il corso parte in contemporanea in 4 città italiane (Torino, Milano, Verona e Padova) ed è rivolto a figure professionali (architetti e designer principalmente) ma anche a giovanissimi designer e studenti universitari che vogliono confrontarsi realmente con il mondo industriale, in questo caso con il marchio O bag.

Il corso, tenuto da Paolo De Lucchi, architetto e fondatore della DelucchiWorkshop, è estremamente divertente, coinvolgente ma soprattutto formativo. Come dice il titolo stesso, questo corso ha come obiettivo quello di definire un nuovo concetto di design in relazione al mercato di oggi, sensibilmente cambiato dalla crisi economica. Durante le 6 lezioni, in calendario fino al 15 giugno, si alterneranno lezioni teoriche, approfondimenti sui materiali plastici e siliconici, visite in azienda dove i partecipanti incontreranno Michele Zanella, Ceo di O bag, per un confronto diretto su quelle che sono le sue visioni del fare design: non solo un gioco di forme, ma una sfida nel trovare nuovi valori, funzionalità e contenuti di un oggetto o accessorio.

I partecipanti avranno la possibilità di presentare al management di O bag il progetto di un nuovo prodotto che, se ritenuto interessante e industrializzabile, potrebbe essere prodotto e commercializzato negli O bag store.