Spesso e volentieri gli inverni presentano sempre più spesso fasi miti fin troppo anomale. Il caldo nel cuore dell’inverno non è certo una novità, se può essere di conforto per quest’inverno così scialbo e dove la neve in pianura non si è ancora vista.

immagine 1 articolo caldo record italia accadde il 19 gennaio 2007Credit iStock

Correva l’anno 2007 ed era gennaio, uno dei tanti mesi di gennaio del nuovo millennio non proprio dalle caratteristiche invernali. L’inverno 2006/2007 fu un “non inverno” con costante anticiclone: in quell’anno un po’ di freddo giunse tardivamente e spesso si era avuto caldo anomalo.

Caldo esagerato, 2019 secondo anno più caldo di sempre

L’episodio più clamoroso risale senza dubbio al 19 gennaio 2007, quando la tempesta Kyrill spazzò letteralmente il Nord Europa, contribuendo a far giungere correnti caldissime anticicloniche verso l’Italia che si surriscaldarono ulteriormente nel valicare le Alpi.

Il dislivello barico generatosi fra i due versanti alpini (valori pressori più elevati sullo spartiacque estero) riuscì a porre le premesse per la discesa di correnti nord/occidentali di foehn. L’aria, in irruente discesa sui pendii montuosi, si asciuga e si riscalda notevolmente.

CLIMA ITALIA: con il 2019 si è chiuso il decennio più caldo della storia

Quello di quel giorno fu un episodio eccezionale di foehn, con temperature davvero da record sulle aree sottovento ai rilievi e addirittura punte estive straordinarie di quasi 30 gradi in Piemonte (valori fino a 20/25 gradi superiori alle medie del periodo).

Trattandosi di masse d’aria già in partenza relativamente miti (zero termico in quota giunto fino ad oltre 3500 metri sulle Alpi occidentali), questo fenomeno si esaltò dando luogo ad un’eccedenza termica notevole rispetto al versante opposto.

Il ruolo delle Alpi si rivelò pertanto decisivo nel raggiungimento di temperature clamorosamente alte, in molti casi da record, in particolar modo su Piemonte, Emilia e Liguria. A Cuneo si raggiunsero quasi 28 gradi, mentre su Brossasco (sempre nel Cuneese), a quote collinari, si toccarono la bellezza di +29,4°C.

immagine 2 articolo caldo record italia accadde il 19 gennaio 2007Le termiche all’altezza di 850 hPa del giorno 19 gennaio 2007: si noti la bolla calda favonica sottovento alle Alpi. Fonte wetterzentrale.de

Non furono meno eccezionali i 25 gradi di San Damiano Macra (CN), stazione montana a 1095 metri di quota! Anche Torino fece registrare ben 25 gradi (nuovo record di Gennaio che polverizzò di 5 gradi il precedente primato), ma la stazione dei Giardini Reali rilevò addirittura 27 gradi.

Il record venne stabilito anche a Mondovì con +26.9°C e valore fuori norma anche a Torino Bric della Croce con +21.4°C e al Colle di Tenda (1232 metri) con +23.3°C. Caldo da record anche in Liguria, specie sulle zone di entroterra delle Alpi marittime, con punte di oltre 22 gradi a 1350 metri di quota.

Impennate termiche non di poco conto si ebbero anche in Emilia, con oltre 25 gradi nel parmense, 24 gradi a Piacenza e 22 gradi a Sasso Marconi, vicino Bologna. Le principali città della Lombardia, fra cui Milano, si attestarono su valori intorno ai 20-22 gradi.

Il caldo fuori stagione non risparmiò nemmeno l’Italia centrale, specie il versante Adriatico, ove anche qui l’effetto dei venti occidentali “in caduta” dall’Appennino si manifestò in modo molto evidente, con ben 23 gradi all’aeroporto di Ancona Falconara.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina