Marzo 2013, l’inverno in primavera. Freddo anomalo e neve

Otto anni fa si ebbe un marzo piuttosto freddo, addirittura uno più rigidi degli ultimi decenni se si considera un’ampia parte dell’Europa. Il clima invernale di quell’inizio primavera derivò da un notevole stratwarming invernale.

Ecco come appariva ben imbiancata Lanciano in Abruzzo, poco sotto i 300 metri

Anche quest’anno si è avuto un importante episodio di stratwaming che potrebbe avere la sue conseguenze sull’andamento della primavera. Non a caso, è prevista per i prossimi giorni una fase fredda di stampo invernale.

Le tardive ondate di freddo sono comunque una normale consuetudine anche in Italia e quindi gli sbalzi termici non devono sorprendere. E’ quindi del tutto normale avere a che fare in questo periodo con incursioni fredde artiche, capaci di portare nevicate fino a quote notevolmente basse.

Gli episodi di freddo invernale marzolino possono giungere anche alla conclusione d’inverni anonimi o decisamente miti, come accadde ad esempio nella stagione invernale 2006/2007, con una notevole incursione artica proprio in avvio di terza decade di marzo.

Nell’ambito del mese di marzo di 8 anni fa, mediamente caratterizzato da clima freddo, uno degli episodi più importanti avvenne a metà mese. Il 15 marzo 2013 una veloce ma forte irruzione artica, aveva portato la neve a quote molto basse collinari su tutto il Centro-Sud e le Isole Maggiori.

Fra le zone più colpite l’Abruzzo, con le nevicate fino a ridosso della pianura. Nella foto sopra vediamo Lanciano, poco sotto i 300 metri, come appariva ben imbiancata. Nevicò bene con accumulo fin dai 400 metri persino in Sardegna. Poi alla neve seguirono le gelate, come sempre dannose in primavera.

Exit mobile version