Prima Pagina>Meteo>Meteo ITALIA: 2 perturbazioni, calo termico fortissimo. Neve, ghiaccio in collina
Meteo

Meteo ITALIA: 2 perturbazioni, calo termico fortissimo. Neve, ghiaccio in collina

immagine 1 articolo 56789

METEO SINO AL 15 MARZO 2019, ANALISI E PREVISIONE
Dopo un weekend dal meteo in prevalenza stabile, è ormai alle porte un drastico cambiamento in avvio di nuova settimana, quando masse d’aria fredde dal Nord Atlantico riprenderanno a puntare il Mediterraneo con un primo impulso perturbato, legato all’affondo più incisivo di una saccatura fredda dal Nord Europa.

Advertisements

Questo peggioramento è legato ad un cambiamento meteo eclatante, con al seguito il previsto ingresso di correnti fredde nordiche. Il flusso occidentale subirà una più marcata ondulazione, con aria fredda ed instabile nord-atlantica che irromperà sull’Italia già

Advertisements
nel corso di lunedì 11 marzo apportando un generale calo termico.

METEO, crollo temperature inizio settimana anche sottomedia. I dettagli

Sul comparto euro-atlantico l’anticiclone delle Azzorre resterà più defilato ad ovest, limitandosi ad invadere la Penisola Iberica ed elevandosi parzialmente verso nord in Oceano Atlantico. In questo contesto, varie perturbazioni nord-atlantiche si dirigeranno verso il Mediterraneo sostenute da correnti nord-occidentali che trasporteranno masse d’aria fredde.

METEO MOVIMENTATO IN SETTIMANA, A TRATTI FREDDO E NEVE IN COLLINA
La prima perturbazione, inserita nel canale di correnti da nordovest, attraverserà l’Italia a cavallo fra lunedì e martedì, risultando più attiva su Triveneto, con fenomeni fugaci che poi insisteranno maggiormente su regioni adriatiche, al Sud e sul nord Sicilia, con piogge, acquazzoni, possibili grandinate e nevicate in Appennino che scenderanno anche al di sotto dei 1000 metri.

Meteo grandine, raddoppiate le grandinate devastanti in Italia ed in Europa

Dopo la prima irruzione d’inizio settimana, il canale per le correnti nord-atlantiche sarà spianato e una seconda invasione d’aria fredda è attesa tra mercoledì 13 e giovedì 14 marzo. Come spesso accaduto anche nell’arco dell’inverno, questo tipo di circolazione esporrà ad instabilità o maltempo il Centro-Sud, mentre il Nord resterà più al riparo sottovento all’Arco Alpino.

Ci sarà quindi il ritorno di clima invernale, seppure a sprazzi, con neve in Appennino attesa fino in collina. La ventilazione sostenuta accentuerà notevolmente la sensazione di clima freddo. Il trend meteo sarà quello tipico marzolino, con colpi di coda d’inverno, anche se senza eventi meteo eccezionali per il periodo.

Meteo Aeronautica 30 giorni: una strana stagione, novità rilevanti

METEO DOMENICA 10 MARZO, INIZIA A CAMBIARE
Il soleggiamento sarà ancora prevalente, ma una nuova perturbazione inizierà ad addossarsi verso l’Arco Alpino nel corso della giornata festiva. Un richiamo di correnti umide sud-occidentali porterà nubi più estese e consistenti sulla fascia tirrenica con qualche sporadico debole piovasco più probabile tra Alta Toscana e Levante Ligure.

Non escluse pioviggini anche tra Lazio e Campania, specie su aree dell’immediato entroterra a ridosso del versante appenninico. In vista dell’imminente cambiamento, i venti inizieranno a rinforzare spirando in genere tra ponente e libeccio. Ventilazione in accentuazione ulteriore dalla sera, fra Sardegna e Tirreno, ove le correnti inizieranno a ruotare a maestrale.

Le false partenze stagionali, un mito meteo da sfatare

METEO PRIMI GIORNI SETTIMANA, PEGGIORA CON PIOGGE E NEVE
Il fronte freddo valicherà le Alpi nel corso di lunedì con qualche pioggia tra Friuli e Veneto orientale, poi i fenomeni interesseranno regioni centrali interne ed adriatiche e successivamente il Sud con anche piogge a carattere di rovescio, locali grandinate. Coinvolte dalle precipitazioni anche il Lazio e la Campania.

Attese nevicate sulla dorsale appenninica, soprattutto i versanti adriatici dove i fiocchi si porteranno fino a quote attorno ai 1000 metri, ma ben più in basso dalla nottata. Al seguito del fronte i venti rinforzeranno ulteriormente disponendosi dai quadranti settentrionali, con Maestrale che diverrà burrascoso sui bacini occidentali e insulari.

Ondate di caldo da meteo estremo, sempre più frequenti

Martedì l’instabilità insisterà al Sud, sulla Sicilia tirrenica e localmente anche su Abruzzo e Molise, con rovesci, temporali e grandine. Nevicate a quote più basse per via della penetrazione dell’aria più fredda, con fiocchi previsti fino attorno ai 500/700 metri, specie durante i rovesci più forti. Neve a quote leggermente più elevate tra Calabria meridionale e Sicilia

ARRIVA FREDDO, TEMPERATURE IN PICCHIATA ENTRO MARTEDI’
La corrente fredda nord-atlantica, accompagnata da venti intensi, dilagherà in avvio di settimana quando registreremo un netto abbassamento termico a partire dalle Alpi, poi soprattutto sulle regioni centrali adriatiche e al Sud. Il freddo sarà accentuato dal vento, poi si avrà una breve pausa con temperature in rialzo e nuovo successivo crollo termico atteso giovedì.

METEO 15 giorni: uno sconquasso stagionale. C’era da aspettarselo

ULTERIORI TENDENZE METEO
Contesto a tratti più somigliante all’inverno, con un secondo episodio freddo e più instabile proprio in corrispondenza della fase centrale della settimana. Le zone maggiormente interessate saranno quelle del Centro-Sud. Seguirà poi una tregua, ma nel corso del weekend non è da escludere l’intrusione di un terzo impulso freddo nord-atlantico.

Aggiornamenti e monitoraggio evoluzione meteo, 24/24 ore a cura dello Staff

LINK rapido alle PREVISIONI METEO dei capoluoghi di regione d’Italia, oppure vai su CERCA la tua località nel campo form in alto alla pagina:

Meteo ANCONA
Meteo AOSTA
Meteo BARI
Meteo BOLOGNA
Meteo CAGLIARI
Meteo CAMPOBASSO
Meteo CATANZARO
Meteo FIRENZE
Meteo GENOVA
Meteo L’AQUILA
Meteo MILANO
Meteo NAPOLI
Meteo PALERMO
Meteo PERUGIA
Meteo POTENZA
Meteo ROMA
Meteo TORINO
Meteo TRENTO
Meteo TRIESTE
Meteo VENEZIA

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina