Prima Pagina>Meteo>Meteo per domani, 3 maggio: nuovi ROVESCI e TEMPORALI
Meteo

Meteo per domani, 3 maggio: nuovi ROVESCI e TEMPORALI

 

Lo scenario meteo si avvia verso quel colpo di coda invernale tanto annunciato. Aria fredda si sta mettendo in moto dalla Scandinavia verso il Centro Europa, a cui si accompagna una perturbazione che inizia ad influenzare l’Italia a partire dalle regioni settentrionali.

Il freddo inizierà presto a farsi sentire in Europa, con brusco calo termico e temperature da pieno inverno in Scandinavia, Regno Unito e settori del Mare del Nord. In Italia risentiremo di un crescente peggioramento, a causa del cedimento di bassa pressione e della formazione di un minimo ciclonico sul Mar Ligure.

Enorme DEPRESSIONE INVERNALE sul Nord Europa

immagine 2 articolo 58138

Vediamo di conseguenza il meteo previsto per la giornata di domani, venerdì 3 maggio. L’instabilità atmosferica si manifesterà al Nord, con piogge e temporali che risulteranno più diffusi e consistenti sulle pianure a nord del Po, specie tra Est Lombardia e Triveneto dove saranno probabili locali grandinate.

Meteo live, sta per succedere qualcosa di insolito

Rovesci e temporali di una certa intensità coinvolgeranno anche Basso Piemonte, Liguria Centro-Orientale ed Alta Toscana, mentre sul resto del Nord avremo variabilità con tendenza a peggioramento entro sera sull’Emilia. Da segnalare qualche rovescio anche su aree interne tra Umbria e Marche.

Tornerà a cadere la neve sulle Alpi, anche se per il momento a quote ancora superiori ai 1600/1800 metri. La situazione sarà più tranquilla sul resto del Centro-Sud, ma con tendenza a peggioramento per un fronte nuvoloso, generato dall’interazione di aria più fresca atlantica con quella mediterranea.

Entro sera qualche scroscio di pioggia o temporale raggiungerà il Sud Sardegna e soprattutto la Sicilia, poi successivamente anche le coste tirreniche centro-meridionali. La ventilazione si disporrà un po’ ovunque da sud, mentre le temperature saliranno ulteriormente al Sud e sui settori tirrenici, in attesa del brusco raffreddamento.

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina