Dopo un weekend mite, l’inverno tornerà prepotentemente alla ribalta ad inizio settimana per un secondo impulso di aria stavolta artica. Il raffreddamento riguarderà parte della Penisola e inizierà a farsi sentire a partire dal Nord Italia.

immagine 1 articolo temperature in picchiata oltre 10 gradi rischio gelate

L’irruzione d’aria fredda favorirà altresì l’imminente formazione di un nuovo ciclone sul Mediterraneo, che andrà inizialmente a collocarsi tra Mar Ligure e Golfo del Leone. L’influenza sull’Italia si manifesterà attraverso una diffusa ripresa dell’instabilità, ma anche temperature in netto calo.

Fine marzo invernale: NEVE non solo al Nord, arriverà anche al Centro-Sud

Si attende quindi una nuova ondata di maltempo invernale, con il Nord che risentirà dell’ingresso dell’aria fredda, risucchiata dal vortice ciclonico, dalla Porta della Bora dopo aver aggirato l’Arco Alpino. Basti pensare che lunedì si perderanno fino a 8-10 gradi sulle pianure del Nord, complice anche il maltempo.

Poi l’aria fredda dilagherà in modo ancor più deciso, portandosi anche verso le regioni centrali. Maggiormente esposte al flusso freddo saranno le aree del versante adriatico, dove tornerà a respirarsi aria da pieno inverno martedì con anche nevicate a bassa quota.

INVERNO TARDIVO in Europa, colpa del Vortice Polare. Vediamo la durata

immagine 2 articolo temperature in picchiata oltre 10 gradi rischio gelate

Le temperature crolleranno quindi ben al di sotto delle medie del periodo. Più ai margini resteranno le regioni meridionali e soprattutto le due Isole Maggiori, anche se parte dell’aria fredda riuscirà a sconfinare al Sud Peninsulare, specie lungo il basso versante adriatico.

Segnaliamo il ritorno anche di probabili gelate fino a quote basse ed in pianura, principalmente al Nord. Con ogni probabilità il clou del freddo si raggiungerà mercoledì mattina, complice anche il cielo sereno. Ricordiamo che le gelate in questo periodo sono dannose, in quanto vanno a bruciare i germogli.

Questa fase abbastanza fredda invernale, pur in progressiva attenuazione, permarrà sull’Italia fino attorno al 3 aprile, mentre emergono novità importanti sull’evoluzione meteo a seguire, più favorevole a un ritorno del tempo stabile, con temperature in pronto rialzo verso valori consoni al periodo.

Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo.

METEO CITTÀ
– ANCONA
– AOSTA
– BARI
– BOLOGNA
– CAGLIARI
– CAMPOBASSO
– CATANZARO
– FIRENZE
– GENOVA
– L’AQUILA
– MILANO
– NAPOLI
– PALERMO
– PERUGIA
– POTENZA
– ROMA
– TORINO
– TRENTO
– TRIESTE
– VENEZIA

TUTTE LE ALTRE LOCALITÀ ED I BOLLETTINI METEO
Previsioni meteo ITALIA ed tutto il Mondo

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina