Prima Pagina>Motori>Al via Automotoretrò, a caccia di affari a 2 e 4 ruote
Motori

Al via Automotoretrò, a caccia di affari a 2 e 4 ruote

Tornano all’Oval Lingotto Automotoretrò e Automotoracing, le due rassegne dedicate ai motori d’epoca e da corsa, organizzate dalla società Bea con il patrocinio della Città di Torino e il contributo di Catawiki, Pakelo e Sparco. Fino a domenica 3 febbraio sono in mostra migliaia di veicoli tutto il mondo: un padiglione sarà interamente riservato ad auto e moto messe in vendita da privati e commercianti e non mancheranno le consuete esposizioni dei “pezzi” più prestigiosi negli stand delle case costruttrici e dei numerosi club, accanto a nomi storici dell’automobilismo e del motociclismo internazionali e alle tradizionali aree riservate al modellismo, ai settori ricambi e accessori, all’editoria specializzata. Ci sarà una retrospettiva sulle leggendarie Abarth. mentre all’Oval Automotoracing festeggia dieci anni con ‘La Grande Sfida’ tra campioni di rally, evoluzioni in pista e vetture da corsa.
    “Il mercato delle auto d’epoca è in fermento: l’incremento delle valutazioni e l’aumento dei volumi d’affari di questi ultimi anni si scontra con le nuove norme anti inquinamento che penalizzano il settore. Rileviamo però un aumento nel segmento delle Youngtimer, le auto tra i 20 e i 29 anni di età, che coinvolge finalmente un pubblico più diversificato e giovane e l’ammirazione per i modelli d’antan contagia i collezionisti più interessati agli aspetti storico-culturali ed estetici. Nella precedente edizione sono stati oltre 67.000 i visitatori e centinaia le trattative private andate a buon fine”, spiega Beppe Gianoglio, organizzatore di Automotoretrò. “Automotoretrò e Automotoracing colgono perfettamente lo spirito e la vocazione di Torino città automobilistica, non solo in senso produttivo: qui si parla di passione vera, quella per i veicoli a due e a quattro ruote”, aggiunge Alberto Sacco, assessore al Commercio, Turismo e Lavoro della Città di Torino.
   

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *