Prima Pagina>Motori>Auto, boom a ottobre per le vendite on line
Motori

Auto, boom a ottobre per le vendite on line

ROMA – Le vendite di auto, si sa, in Italia sono di nuovo al palo (a ottobre le consegne sono a -0,8%), ma c’è un settore che continua a volare. Ed è quello del mercato on line delle vetture nuove che è in netta controtendenza avendo fatto registrato incrementi a tripla cifra a settembre (+105% vs stesso mese dell’anno precedente)
Advertisements
e a doppia cifra a ottobre (+60%). L’analisi arriva dall’Osservatorio di MiaCar, la prima piattaforma online per l’acquisto di auto nuove e usate esclusivamente presso i concessionari  ufficiali.

Advertisements

Ma come si è potuti arrivare a tanto? «Prima di tutto, un dato di fondo – la maggiore dimestichezza nei confronti delle app e degli acquisti online. Una cosa che è successa a tutti, per necessità, durante i mesi del lockdown – ma che ha determinato un cambio di marcia per tutto il settore delle vendite online – spiega Lorenzo Sistino, Founder & CEO della start-up digitale MiaCar – La seconda motivazione è la sicurezza dell’acquisto anche dal punto di vista sanitario: non serve spostarsi alla ricerca dell’auto, basta sedersi comodamente sul divano e sfogliare le pagine di MiaCar sul tablet. Questo vale a maggior ragione in un momento in cui le uscite di casa sono sconsigliate o In qualche caso proibite. La terza è la trasparenza delle offerte e la quarta ragion – conclude Sistino – che sta diventando molto importante, è la effettiva disponibilità immediata  del prodotto. In questo periodo su alcuni modelli le fabbriche hanno accumulato ritardi, e i tempi di attesa sono diventati talvolta molto lunghi” Chi non ha fretta, comprerà più avanti; ma chi ha bisogno di un’auto immediatamente si rivolge al mercato online”.
In ogni caso, l’altra grande novità del momento è che ­ l’acquisto via web non è solamente una modalità scelta dai giovani. Ormai il pubblico che si rivolge all’online è rappresentativo di tutte le fasce di clientela, e di tutte le fasce di età.

 

Fonte www.repubblica.it

Rispondi