Prima Pagina>Motori>Auto, donne spendono meno degli uomini e sono pragmatiche
Motori

Auto, donne spendono meno degli uomini e sono pragmatiche

Per comprare un’auto nuova le donne spendono meno degli uomini e sono decisamente più pragmatiche dei loro partner, concentrando la loro scelta tra vetture a bassi consumi. È quanto hanno scoperto gli advisor di DriveK, che ogni giorno aiutano gli utenti della piattaforma a scegliere l’automobile giusta riuscendo a cogliere i processi, i gusti e le esigenze che influenzano la decisione finale. Da quanto emerge dal monitoraggio di DriveK, sembra che il gentil sesso ne sappia più degli uomini: considerando che la durata del processo di scelta e acquisto è mediamente di 90 giorni, prima ancora di parlare con un consulente o visitare un concessionario le donne si documentano più degli uomini sulle caratteristiche tecniche dei veicoli che preferiscono e in fase di scelta ponderano meglio le alternative a disposizione; sono più consapevoli delle proprie possibilità economiche e si dichiarano più interessate a dati tecnici come i consumi (42% vs 35% degli uomini), in un’ottica di sempre maggiore attenzione all’ambiente, oltre che al portafogli.

Il prezzo medio del veicolo nuovo che le donne puntano a comprare: il divario tra i due sessi è ancora importante se si pensa che le donne pensano di spendere in media circa 17.900 euro, a fronte dei 23.400 euro preventivati dagli uomini. Complici l’introduzione dell’ecotassa e l’aumento costante delle ZTL che anche nei prossimi anni penalizzeranno i diesel, le donne si confermano pratiche scegliendo un veicolo alimentato a benzina (80%), mentre gli uomini continuano ad amare in misura maggiore il diesel, arrivando a sceglierlo il 30% delle volte (mentre le donne si fermano al 14% di richieste). Le esigenze delle donne si riflettono nei loro brand preferiti: secondo i dati di DriveK, Lancia – con la sua Ypsilon – è il marchio più amato dalle donne, con il 48% di richieste di preventivi da parte del gentil sesso; seguono Citroën, scelta dal 37% dalle acquirenti, e Toyota, la cui quota rosa si attesta al 30%. I brand meno affini ai gusti delle donne? Marchi di lusso e sportivi, che poco si conciliano alle loro esigenze, in primis di budget. Tra coloro che desiderano una Maserati, infatti, addirittura il 98% sono uomini; le percentuali cambiano leggermente, ma non di molto, per Volvo (95%), Porsche (94%) e Abarth (93%).

Rispondi