A Padova dal 24 al 27 ottobre 2019 la 36esima edizione di Auto e Moto d’Epoca, in programma alla Fiera. Al taglio ufficiale del nastro  le autorità locali e le associazioni di categoria del mondo automotive. ”Ci tengo innanzitutto a ringraziare le persone che hanno consentito che la fiera si svolgesse nel migliore dei modi, in particolare il Sindaco Giordani, l’assessore Colasio e il presidente della Fiera Santocono – ha sottolineato Mario Carlo Baccaglini di Intermeeting – e sono onorato di accogliervi ad Auto e Moto d’Epoca. Un evento che attira appassionati da tutto il mondo e che dà alla città di Padova una notorietà internazionale enorme”.

A portare i saluti della Regione Veneto è stato l’assessore all’ambiente Gianpaolo Bottaccin: ”Quello delle auto d’epoca è un mondo affascinante che merita attenzione e mi riferisco in particolare al tema dell’inquinamento e alla necessità di distinguere le auto vecchie da quelle d’epoca”. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani: ”Le auto vecchie vanno rottamate, perché sono inquinanti e poco sicure. Con le liste di salvaguardia possiamo e dobbiamo fare una differenza netta a tutela delle auto storiche, che invece rappresentano un elemento di prestigio”. Cosa ribadita anche da Giuseppe Pan, assessore regionale all’Agricoltura: ”Dobbiamo dare risalto a questo patrimonio che è tutto italiano. Ogni mezzo storico ha un’anima e un valore culturale da tutelare”. Tra gli appuntamenti principali, è previsto il Raduno Youngtimer che vede impegnati i veicoli immatricolati dal 1980 in poi.

L’evento, che rappresenta a tutti gli effetti un tributo per una categoria di vetture sempre più apprezzate dai giovani collezionisti,vedrà sei le categorie in gara: “Miglior sportiva”, “La scoperta più bella”, “La più anziana meglio conservata”, “La più giovane originale”, “Quella che arriva da più lontano”, “La famigliare più in forma”. Inoltre si terrà un consiglio del mondo dell’auto d’epoca: un parterre d’eccezione snocciolerà un tema che pesa sul futuro del settore,quello della ‘fiscalità e auto storiche’ con i presidenti di ACI e ASI e ai responsabili degli importanti registri Alfa Romeo, Lancia e associazione AVVS. Infine, allo stand Asi è previsto un altro incontro dal titolo ‘Il motorismo storico sullo scenario internazionale’. Tra le cose imperdibili, un’esposizione dedicata alle barchette Ferrari che segnano gli esordi del cavallino nel mondo delle competizioni. Otto modelli di importanti collezionisti internazionali: dalla 166 MM di Gianni Agnelli esposta dal MoMA fino all’ultima incredibile Ferrari Monza SP.

Visibili al Padiglione 3 – Arena ACI – anche la 340 MM Vignale, 375 Barchetta Pininfarina, 250 MM Pininfarina, uno dei quattro esemplari mai costruiti di 857 S, la Ferrari 750 Monza, la 500 Mondial fino alla youngtimer 550 Barchetta. Tutte insieme daranno vita a “Le Rosse in abito da corsa”, una mostra che da sola vale il prezzo del biglietto. Ma Auto e Moto d’Epoca è anche e soprattutto un luogo dove vivere la passione dell’auto grazie a una raccolta incredibile di collezioni e modelli: tra questi la Itala 35/45 HP del MAUTO di Torino che vinse nel 1907 l’incredibile raid da Pechino a Parigi attraversando, in soli 60 giorni, un percorso di oltre 16.000 chilometri tra deserti e mulattiere; o l’esposizione della Fondazione Macaluso, che porta a Padova 2019 due capolavori assoluti del design automobilistico: Bizzarrini 5300 GT del 1968 e Ferrari 275 GTB/4 del 1967.

Per ricordare i 100 anni di Zagato, invece, arrivano i modelli del Club Lancia e, in prestito dalla collezione del Museo Nicolis di Verona, una Lancia Flaminia Super Sport Zagato del 1965. Non mancano infine le collezioni di Club e Registri Storici che portano a Padova le auto più significative appartenenti alle collezioni dei propri soci. Auto e Moto d’Epoca vanta inoltre il primato della fiera con il maggior numero di modelli in vendita: ben 5.000 tra cui trovare davvero di tutto, dalle Rolls Royce e Bentley degli anni ’20 alle grandi sportive degli anni ’50 e ’60, come Mercedes 300 SL e Ferrari Daytona, alle piccole ma ricercate utilitarie che hanno fatto la storia della mobilità. È il salone dove ognuno può trovare la ‘sua’ auto d’epoca.

Rispondi