Prima Pagina>Motori>Bosch Italia, nel 2019 focus su diversificazione e competenze
Motori

Bosch Italia, nel 2019 focus su diversificazione e competenze

Nel 2018, anno che è stato contraddistinto da una complessa situazione economia e geopolitica, Bosch Italia è riuscita ad affrontare e gestire le avversità del periodo. ”Lo scorso abbiamo conseguito in Italia un volume d’affari di circa 2,5 miliardi di euro, un risultato che si discosta leggermente da quello del 2017, determinato da un contesto congiunturale non favorevole in particolare per quanto riguarda il settore automotive. All’interno del fatturato complessivo, con andamenti diversi a seconda delle aree di business, quello trainante è stato decisamente il settore Industrial Technology”. Lo ha detto oggi a Milano Gerhard Dambach, amministratore delegato del Gruppo Bosch in Italia durante il tradizionale incontro con la stampa sui risultati finanziari. Ricordando che ”per il Gruppo Bosch l’Italia è da sempre un mercato importante dove, con un organico di circa 6.000 collaboratori, siamo attivi con 19 società e 4 centri di ricerca – Dambach ha detto che ”Per il 2019 la situazione contingente è ricca di sfide ma siamo convinti che la diversificazione della nostra azienda possa offrire numerose opportunità di business per affrontare tale contesto attraverso la competenza tecnologica”. Un esempio è l’innovativo servizio di Car Pooling SPLT. Si tratta di un servizio pensato per aziende, università e amministrazioni locali che, attraverso un’App, consente ai pendolari di condividere il tragitto per il lavoro, di ridurre le emissioni e anche di risparmiare, ripartendo i costi di spostamento. Oppure Call4U, un sistema di soccorso digitale retrofit che rileva automaticamente gli incidenti in auto e allerta, tramite SMS e/o email, le persone care (come genitori, figli, coniugi, amici) indicando la posizione GPS del veicolo. A livello di singoli settori attraverso cui Bosch Italia opera nel nostro Paese, nel 2018 il fatturato del settore Mobility Solutions ha registrato un calo rispetto all’anno precedente, dovuto alla riduzione delle nuove immatricolazioni auto. Nonostante ciò, le divisioni Automotive Electronics e Bosch Engineering sono riuscite a compensare la flessione del mercato grazie ai nuovi clienti tra cui lo specialista Dallara.

Bene la divisione Automotive Aftermarket che ha registrato un incremento nelle vendite e il rafforzamento della strategia a sostegno dei programmi per le officine Bosch Car Service e AutoCrew e dei ricambisti partner sviluppata insieme ai concessionari Bosch sul territorio. Per il settore di business Industrial Technology il 2018 è stato nuovamente un anno positivo. Bosch Rexroth, fornitrice di applicazioni e sistemi per l’industria, ha registrato un forte incremento trainato dalla crescita del comparto sia della componentistica idraulica mobile sia dell’idraulica industriale.

Anche il settore di business Consumer Goods è cresciuto nel 2018. La divisione Elettrodomestici BSH ha registrato un aumento delle vendite grazie all’espansione del segmento delle asciugatrici e alla performance ottenuta nel settore dell’incasso. Per la divisione Elettroutensili l’esercizio si è concluso con una buona crescita generale e in particolare nell’ambito professionale, grazie a nuovi prodotti a batteria ProCore18V. Il settore Energy and Building Technology ha registrato complessivamente una flessione. La divisione Building Technologies, che opera nei sistemi di sicurezza e propone prodotti e servizi integrati per l’efficienza energetica (dalla progettazione alla realizzazione e gestione chiavi in mano) ha subito un rallentamento nel mercato di riferimento. Mentre la divisione Termotecnica ha chiuso anche il 2018 con un risultato in crescita, rispetto al molto positivo 2017, confermando la propria posizione relativa all’interno del mercato italiano del riscaldamento che continua a registrare una crescente domanda di prodotti tecnologicamente più evoluti. Da segnalare in questo ambito un progetto innovativo tutto italiano, sviluppato nel 2018 dalla consociata Security Systems.

Si tratta di Man over Board, un sistema integrato di rilevazione, allerta e monitoraggio basato su videocamere e pensato per le navi da crociera nelle situazioni di ‘uomo in mare’.

Rispondi