Prima Pagina>Motori>Bozzetti, argilla e realtà virtuali: ecco Cupra Formentor
Motori

Bozzetti, argilla e realtà virtuali: ecco Cupra Formentor

Centinaia di bozzetti, realtà virtuale e oltre sei mesi di lavoro per arrivare al prodotto finale. Stiamo parlando della Cupra Formentor, il modello che lancia le linee guida del marchio sportivo nato dalla spagnola Seat.

Per rendere tutto questo realtà, i designer si sono concentrati sulla combinazione tra design sofisticato e tecnologia ai massimi livelli. Il primo passo è stato quello di trasformare le idee in disegni reali: ”Un’auto che invogli a essere accarezzata – è stato il must di Alberto Torrecillas, designer degli esterni della Cupra Formentor -. Lavorare al design di una concept ci concede maggiore libertà creativa. Per prima cosa, mettiamo le idee su carta. Alcuni designer preferiscono iniziare a disegnare sui tablet, io invece non rinuncio a tracciare le linee a mano sui fogli di carta, creando diverse proposte”. Le idee sono progredite sotto forma di bozzetti, decine di disegni in cui si potevano intravedere già i volumi naturali della vettura, con una sensazione di dinamismo e movimento che traspare anche da ferma. Contemporaneamente il team Color&Trim si è concentrato sul tatto, sui colori e le sensazioni puntando sull’artigianalità delle lavorazione: un esempio, l’utilizzo del cuoio e le cuciture a vista abbinate alla texture in alluminio creano un mix unico per gli appassionati di motori. Una volta definito il disegno, è stato il momento di far prendere vita a questo progetto prendere vita. Ed è qui che è entrata in gioco la tecnologia. I designer specializzati in CAD (Computer Aided Design) hanno reso i disegni a tre dimensioni, per iniziare a modellare le forme esatte dell’auto e far combaciare tutti gli elementi che ne fanno parte. Grazie alla realtà virtuale, l’auto è apparsa in mezzo all’Avenida Diagonal di Barcellona come se fosse reale. ”Con sole due dimensioni, siamo in grado di validare il 75% del design e con l’ausilio del 3D arriviamo al 100%” ha sottolineato Manuel Garcés, responsabile del dipartimento di Visualizzazione. Il team Seat si è avvalso del Design digital LAB, dove vengono definite le esperienze di interazione digitale. Nel caso della Cupra Formentor, ci sono voluti due anni di prove al simulatore e oltre 3.000 icone per definire Digital Cockpit e schermo da 10”. Tutto è nato da un modello in argilla da 700 kg e un team di modellisti che ha consentito di riprodurre l’auto in scala reale, sia all’esterno che all’interno. ”Nel processo di creazione di una concept, i designer attualizzano di continuo il modello, e noi con loro. L’argilla sintetica è un materiale industriale che ci permette di apportare le modifiche con immediatezza e di ottenere un risultato finale talmente veritiero che nessuno, vedendolo, direbbe che si tratti di un blocco di argilla” ha concluso Carlos Arcos, Responsabile di Exterior Modelling del marchio.

Rispondi