Prima Pagina>Motori>Caos neve Alto Adige: riaperta A22
Motori

Caos neve Alto Adige: riaperta A22

Nevica ancora in Alto Adige nella zona di confine, mentre dalle 23 di ieri l’autostrada del Brennero A22 è di nuovo percorribile in entrambe le direzioni nella parte altoatesina, secondo le informazioni fornite dai vigili del fuoco. Il tratto in direzione nord tra Chiusa e Vipiteno, rimasto chiuso dalle 8 di ieri mattina, è stato inizialmente riaperto per una sola corsia. La circolazione comunque, a causa della notevole presenza di neve, è possibile con cautela e le dotazioni invernali adeguate.

Nella notte si sono formate nel tratto di confine code anche in direzione sud, in corrispondenza del tratto chiuso per tutta la giornata di ieri in nord. Prima della mezzanotte le code erano arrivate a 6 chilometri, per ridursi fino ad azzerarsi dopo che la circolazione in nord è stata ripristinata.

Il limite delle nevicate oggi è tra i 700 e i 1.000 metri di quota nella zona.

La strada statale 12 del Brennero è stata anch’essa liberata e pulita con lame spalaneve e mezzi spargisale e dalle 2 di oggi è nuovamente percorribile in entrambe le direzioni fino a Vipiteno, anche questa con l’attenzione necessaria al fondo stradale non del tutto pulito. Rimane chiusa nell’ultimo tratto, quello della Val di Vizze tra Vipiteno e il passo del Brennero.

I vigili del fuoco, alle 2 di stamani hanno contato più di 400 interventi, di cui 140 in città a Bolzano.
  

Caos neve Alto Adige: presidente A22, ancora al lavoro

“Ora è molto importante liberare tutta la carreggiata dai mezzi ancora bloccati. Fra qualche ora tutta la carreggiata nord sarà libera”. Lo ha detto il presidente dell’A22, Walter Pardatscher, al Gr della Rai, prima di entrare in una riunione per fare il punto a Bolzano sulla sicurezza del tratto più a nord, dell’Autobrennero, che ieri era rimasto chiuso fino a notte. “L’Austria oggi ha fermato di nuovo i tir e domani – ha aggiunto – sicuramente sarà una giornata molto difficile, perché il lunedì c’è sempre molto traffico e si aggiungeranno quelli che erano rimasti bloccati”.

Rispondi