Prima Pagina>Motori>CO2 e consumi, è scontro aperto fra Diesel ed elettrico
Motori

CO2 e consumi, è scontro aperto fra Diesel ed elettrico

Calcoli reali sulla CO2 emessa dai veicoli e sui consumi, inquinamento da considerare anche sul ciclo vita di auto e batterie, compresi il loro smaltimento, incidenza della qualità dei combustibili e delle fonti energetiche, tra i sostenitori e i detrattori del Diesel e quelli dell’elettrico gli argomenti di scontro sono numerosi. Sull’argomento, di estrema attualità con l’entrata in vigore dell’ecotassa e degli incentivi statali per le auto a basso impatto ambientale, è previsto un intervento dell’onorevole Dario Galli, viceministro per lo Sviluppo economico, nella prossima edizione di #ForumAutoMotive, in programma a Milano, il 18 marzo.

All’appuntamento dal titolo eloquente, ‘Sul ring dell’automotive la sfida tra alimentazioni tradizionali e di ultima generazione’, parteciperanno vari esponenti di primo piano del settore auto. Sul palco dell’Enterprise hotel si confronteranno in due dibattiti alcuni rappresentanti di associazioni di categoria, esperti, dirigenti di aziende produttrici di carburanti tradizionali e di altre impegnate sulle alimentazioni alternative, con l’obiettivo di far luce sugli aspetti tecnici e scientifici che sottendono l’una e l’altra posizione. Nell’occasione saranno diffusi i risultati di studi inediti, promossi dall’Unione Petrolifera, da AlixPartners e da Doxa che, tra l’altro, forniranno la percezione dell’opinione degli italiani riguardo a queste tematiche. La mattinata si concluderà con la consegna del premio ‘Personaggio dell’anno 2019 per #ForumAutoMotive’. “Oggi la confusione sull’argomento è totale – sottolinea il giornalista Pierluigi Bonora, fondatore e promotore del movimento di opinione #ForumAutoMotive – tanto che la stessa politica di frequente arriva a confondere le emissioni inquinanti con quelle climalteranti e assume provvedimenti, senza consultare seriamente i diversi anelli della filiera, sulla base di posizioni, spesso ideologiche, che rischiano di generare effetti contrari a quelli cercati, come nel caso dell’imminente bonus-malus. Con questo dibattito, vogliamo fare chiarezza e aiutare l’automobilista a scegliere con serenità l’auto nuova, in una situazione che crea ansia sia per le incertezze congiunturali riguardanti l’Europa e l’Italia, sia per il bombardamento di messaggi, spesso in antitesi tra loro sull’alimentazione da scegliere, sia per provvedimenti di limitazioni al traffico che arrivano persino a bloccare veicoli di ultimissima generazione, seppur virtuosi a livello di emissioni”.

Rispondi