Prima Pagina>Motori>Commissione mercato Ue respinge obbligo RCA auto storiche
Motori

Commissione mercato Ue respinge obbligo RCA auto storiche

La Fédération Internationale des Véhicules Anciens (FIVA) ha espresso soddisfazione per la decisione della Commissione per il mercato interno del Parlamento europeo e relativa alle assicurazione automobilistica, adottata il 22 gennaio 2019, in quanto bloccherà un mutamento normativo che avrebbe penalizzato il settore delle vetture da collezione. L’intervento della Commissione – ribadisce la FIVA – contribuirà invece a preservare il patrimonio motoristico in quanto eviterà l’introduzione di una polizza costosa e inutile.

La Commissione europea aveva infatti deciso di modificare le leggi sull’assicurazione degli autoveicoli (responsabilità civile) richiedendo di stipulare una polizza RCA anche quando un veicolo non viene utilizzato sulla strada.

”Se i veicoli storici nei musei, in ristrutturazione, o semplicemente non utilizzati per un periodo di tempo fossero tenuti ad avere un’assicurazione di terzi – ha detto dice il presidente FIVA, Patrick Rollet – l’effetto sul nostro patrimonio automobilistico sarebbe stato estremamente dannoso, per usare un eufemismo. Siamo lieti che i membri della commissione del Parlamento europeo abbiano riconosciuto che tale assicurazione sarebbe costosa e inutile per i proprietari di veicoli storici e approviamo la loro decisione di votare contro”. La Commissione per il mercato interno ha anche respinto la proposta della Commissione europea per obbligare alla stipula di polizze RCA anche per i veicoli utilizzati nel motorsport.

Fortunatamente, sottolinea la FIVA, i deputati hanno giustamente riconosciuto che un tale passo avrebbe reso il motorsport economicamente non redditizio per la stragrande maggioranza dei partecipanti, con premi proibitivi per i concorrenti, compresi quelli delle gare per veicoli storici del motorsport, i cui eventi sono in ogni caso protetti da altre assicurazioni di responsabilità civile.

Rispondi