Prima Pagina>Motori>Dall’auto al letto, prototipo Ford contro invasori materasso
Motori

Dall’auto al letto, prototipo Ford contro invasori materasso

Alla fine di una giornata frenetica, addormentarsi con la persona amata non è sempre il modo migliore per concluderla, soprattutto quando si condivide il talamo con un ‘invasore di spazi’ nel letto, a causa del quale spesso si perdono ore preziose di riposo nel tentativo di recuperare la propria parte di materasso. Studi dimostrano che una persona su quattro, tra coloro che vivono una relazione, afferma di dormire meglio da sola. Nonostante l’idea dei letti separati non alletti la maggioranza delle persone, il fenomeno è ormai così popolare che esiste il trend riconosciuto degli ‘Sleep Divorces’. La soluzione ai ‘divorzi di letto’, arriva dal costruttore Ford che ha traslato la tecnologia e il know how automotive nella vita quotidiana per assicurare che il compagno di letto rimanga nella propria corsia, senza dover cambiare necessariamente talamo. Si chiama Lane Keeping Bed e si ispira alla tecnologia Lane Keeping Aid che l’Ovale Blu ha introdotto a bordo di molte delle sue auto, tra cui la nuova generazione di Focus. La tecnologia avvisa il conducente con una vibrazione del volante in caso di cambio corsia involontario. In assenza di una pronta risposta, provvede automaticamente a sterzare per riportare l’auto in traiettoria. Allo stesso modo il Lane Keeping Bed utilizza sensori di pressione per identificare quando uno dei partner si allontana dalla propria metà del letto, per riportarlo delicatamente dove dovrebbe stare, con l’aiuto di un nastro trasportatore integrato. Per ora si tratta solo di un prototipo ma il Lane Keeping Bed fa parte delle Interventions, una serie di iniziative tecnologiche dell’Ovale Blu, che si pongono l’obiettivo di applicare ilknow-how di Ford per risolvere, in modo innovativo, le sfide della vita quotidiana o notturna, come in questo caso.

Rispondi