Prima Pagina>Motori>Entusiasmo alle stelle a Varano per il ritorno delle Aquile
Motori

Entusiasmo alle stelle a Varano per il ritorno delle Aquile

Grande entusiasmo all’autodromo Riccardo Paletti per il ritorno in pista delle Aquile di Mandello del Lario, nella giornata di qualifiche della prima tappa del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance.
Le V7 III di derivazione di serie, elaborate con il kit racing GCorse dei fratelli Guareschi, hanno letteralmente dato spettacolo tra le curve e i rettifili del circuito parmense, nelle due sessioni cronometrate svoltesi all’ora di pranzo e nel tardo pomeriggio. I team in gara si sono dati battaglia per strappare la miglior posizione in griglia, decisa dalla media dei tempi fatti registrare dai due piloti di ognuno dei 18 team iscritti.

L’appuntamento con il via della gara è per domani, domenica 14 aprile, alle 16.15, quando i centauri attraverseranno di corsa il nastro d’asfalto del rettilineo d’arrivo, per balzare in sella alla propria V7 III e scattare verso la testa. Il vincitore sarà decretato al termine dell’ora di corsa prevista, entro cui dovranno essere eseguiti almeno tre cambi pilota. Proprio i rientri ai box per la sostituzione delle due guide di ogni team si preannunciano per il pubblico come alcuni dei momenti più spettacolari della prova di durata dell’originale monomarca.

Intanto, in questa prima giornata, il paddock di Varano ha accolto gli equipaggi con un’atmosfera coinvolgente: tante, infatti, sono state le coppie di amici, alcune alla prima esperienza in pista, che hanno deciso di partecipare e condividere la propria passione in un Trofeo studiato per garantire il divertimento di tutti, tra i cordoli dal pilota neofita a quello più smaliziato, sugli spalti dagli appassionati di due ruote alle famiglie in cerca di una giornata di svago differente dalle solite.

Insieme ai guzzisti, protagoniste dell’evento sono naturalmente le V7 III Stone. Un gioiellino che, sottolineano da Mandello del Lario, è “capace di raccogliere l’apprezzamento di un pubblico estremamente eterogeneo. Grazie alla maneggevolezza e facilità di guida è la perfetta base di partenza per realizzare una moto assolutamente divertente e sfruttabile in pista anche da chi non vanta un’esperienza pregressa nelle competizioni”.

Rispondi