Prima Pagina>Motori>Festival Wildays, Jeep e Mopar in pole position
Motori

Festival Wildays, Jeep e Mopar in pole position

ROMA – Conto alla rovescia per il Festival Wildays, evento dedicato non solo ai motori ma anche alla natura e al buon cibo, quest’anno in programma dall’11 al 13 settembre presso lo storico circuito Predella di Salsomaggiore Terme. Giunto alla sua quarta edizione – alla quale partecipano i due marchi del gruppo Fca, Jeep e Mopar – la manifestazione propone due attrazioni principali. da una parte

Advertisements
il “4×4 Temple”, un circuito in cui gli appassionati potranno accedere su registrazione con le proprie vetture. Dall’altra i “4×4 Tour” realizzati dal Tricolore Fuoristrada Parma, che porteranno gruppi di fuoristradisti alla scoperta delle bellezze delle colline emiliane. L’edizione 2020 avrà anche una nuova area dedicata ai 4×4 dove il pubblico potrà provare l’intera gamma di SUV Jeep, sia cimentandosi in emozionanti test drive off- road, all’interno del 4×4 Temple, sia on-road su percorsi studiati appositamente dagli istruttori Jeep. I saranno riflettori saranno puntati soprattutto sulla showcar dell’evento, la Jeep Gladiator powered by Mopar, il cui allestimento è stato realizzato in maniera particolarmente accurata. La vettura si caratterizza per la livrea Sting Gray e per alcuni specifici elementi appartenenti al catalogo “Jeep Performance Parts”, come ad esempio il kit di sollevamento da 2 pollici, le porte tubolari, le rock rails e le luci a LED off-road da 5 e 7 pollici. Fanno da contorno le barre trasversali montate nel cassone che consentono di aumentare la già importante capacità di carico oppure di installare diversi sistemi di portaggio (cesta con rete ferma carico, portabici, kayak, surf o sci). Non ultimo, un sistema di stivaggio nel cassone migliora l’utilità del Gladiator grazie ai doppi cassetti scorrevoli chiudibili a chiave. Infine gli interni, equipaggiati con maniglie di sostegno anteriori e posteriori, copripedali in acciaio e tappetini in gomma “all-weather”.
 

Advertisements

Fonte www.repubblica.it

Rispondi