Prima Pagina>Motori>La frenata dell’auto, -20% la previsione mondiale di vendite per il 2020
Motori

La frenata dell’auto, -20% la previsione mondiale di vendite per il 2020

Il mercato globale dell’auto scenderà quest’anno dal 15 al 20% a circa 75 milioni di immatricolazioni di veicoli leggeri, un volume simile a quello registrato nel 2011. Lo indica uno studio dell’agenzia di rating del credito Scope Ratings.
Le previsioni di vendite in Europa occidentale, uno dei principali mercati automobilistici mondiali, sarà particolarmente colpito dalla pandemia, con un calo di quasi il 21%. Ciononostante, le principali case automobilistiche europee hanno in genere mostrato una resistenza maggiore del previsto, secondo Scope Ratings.
La società ha sottolineato che questo calo della domanda di veicoli causato dal coronavirus, interesserà anche la Cina e gli Stati Uniti, con cali rispettivamente del 12% e del 15%, preceduto da un calo del 5% nel 2019.
“La pandemia di Covid-19 ha creato una serie di circostanze molto difficili per produttori e i loro fornitori, anche se dobbiamo riconoscere che il mercato ha già preso una piega abbastanza netta dai suoi recenti picchi ciclici”, ha detto l’analista di Scope Werner Stäblein. Tuttavia, Stäblein ha sottolineato che la performance del secondo trimestre del settore è stata “meno disastrosa” di quanto ci si potesse aspettare, per cui i produttori sono stati in grado di contenere le perdite.

Ciò è dovuto a varie misure adottate dai governi nell’ambito del risparmio sul costo del lavoro e alle azioni intraprese dalle imprese per garantire la loro liquidità. Si prevede una graduale ma disomogenea ripresa economica in Europa e nel resto del mondo, partendo dal presupposto che non vi sia una seconda significativa ondata di infezioni da Covid-19.
“Ci aspettiamo un parziale rimbalzo delle vendite del secondo semestre in Europa, poiché i consumatori approfittano degli incentivi per acquistare nuove auto, anche se l’esperienza passata suggerisce che i cambiamenti nella tassazione e nei sussidi tendono ad anticipare piuttosto che a creare una domanda aggiuntiva”, ha detto Stäblein.Fonte www.repubblica.it

Rispondi