Sulla scia delle informazioni e dei rumors dei giorni scorsi e relativi ai nuovi indirizzi costruttivi che saranno adottati da McLaren per le sue future supercar, Mike Flewitt, amministratore delegato dell’aziende è intervenuto ufficialmente confermando che McLaren continuerà a perseguire la sua filosofia ingegneristica di riduzione del peso del veicolo per migliorare ulteriormente le prestazioni e l’efficienza delle sue auto. Questo impegno, che è già evidente nei modelli esistenti come la 765LT a ‘coda lunga’, metterà l’azienda – secondo quanto ha detto Flewitt – ”nella posizione migliore per abbracciare i progressi dei propulsore come i sistemi ibridi e quelli elettrici”. McLaren, insomma, continuerà a gareggiare in ambito ingegneristico per vincere la ‘corsa’ alla riduzione del peso, un obiettivo che – ha detto il CEO di McLaren – ”è al centro della nostra strategia per le prossime generazioni di supercar.

Siamo già leader della categoria e ci impegniamo a ridurre ulteriormente il peso per essere nella posizione migliore per massimizzare l’efficienza e le prestazioni dei modelli ibridi che saranno introdotti entro il 2025”. Flewitt, nella nota dell’azienda, prosegue ricordando che ”la massa del veicolo è nemica delle prestazioni sia che un’auto abbia un motore a combustione interna convenzionale o un propulsore completamente elettrificato. Quindi vincere la corsa dei pesi è una priorità assoluta per noi”, dettagliando anche che ”McLaren Automotive ha investito molto nella tecnologia dei compositi con la creazione del McLaren Center, il nostro stabilimento di innovazione e produzione di materiali compositi nel Regno Unito”.

La Casa britannica ricorda l’esempio della nuova supercar 765LT (prodotta in soli 765 esemplari) che arriva sul mercato con una riduzione di 80 kg che ha permesso di ottenere un peso a secco di soli 1.229 kg. 765LT, che apre un quarto capitolo della storia della McLaren Longtail, sfrutta il vantaggio intrinseco della struttura ‘Monocage 2’ in fibra di carbonio che è il risultato di un meticoloso programma di modifiche e che fa ampio uso di materiali leggeri ma incredibilmente resistenti, anche per i pannelli esterni della carrozzeria, per i componenti aerodinamici e – all’interno dell’auto – per i sedili e il tunnel centrale. Altre misure di risparmio di peso sul 765LT includono finestrini laterali leggeri e vetri in policarbonato stile motorsport nella parte posteriore della vettura, con materiali di classe 1 utilizzati nella trasmissione. Il sistema di scarico a quattro uscite, completamente formato in titanio, offre un risparmio di peso del 40% rispetto ai tubi in acciaio. Con il suo peso ridotto e un motore V8 bimotore turbo da 765 Cv e 800 Nm di coppia, 765LT può accelerare da 0 a 200 km/h in soli 7,2 secondi. Presenti ruote ultraleggere, pneumatici Pirelli P-Zero Trofeo R realizzati su misura per McLaren e bulloni delle ruote in titanio, che nel complesso offrono un risparmio di 22 kg sulla massa non sospesa, a tutto vantaggio delle prestazioni dinamiche.

Rispondi