Prima Pagina>Motori>Mercedes, mobilità futura è anche ibrido diesel plug-in
Motori

Mercedes, mobilità futura è anche ibrido diesel plug-in

Termici, ibridi, ibridi plug-in (ora anche per la prima volta con il diesel), fuel cell ed elettrici. La strategia per il futuro della mobilità, secondo Mercedes Benz, passa per tutte queste possibilità di scelta. Essere al passo con i tempi e sopravvivere ad un cambio epocale per la mobilità come quello a cui stiamo assistendo, vuol dire – per Mercedes – poter calcare tutte le strade possibili, a partire dai motori a combustione interna (in primis i diesel di ultima generazione per i quali sono stati investiti 3 miliardi di euro), che per un po’ saranno l’unica alternativa possibile all’elettrico. Entro il 2022, per l’intero portfolio di Mercedes-Benz Cars è prevista una variante a zero emissioni.

La casa di Stoccarda si prepara ad una vera e propria offensiva di prodotto, introducendo diversi modelli elettrificati in ogni segmento, dalle piccole smart ai grandi suv. Sono previste per quella data più di 130 varianti elettrificate, dai modelli a 48 V EQ Boost fino a un’ampia scelta di vetture ibride plug-in EQ Power a trazione puramente elettrica. L’offensiva elettrica nel settore autovetture porta il nome del nuovo marchio di tecnologie e prodotti EQ. Un acronimo che per Mercedes sta a significare due valori fondamentali: emozionalità e intelligenza. I primi nuovi modelli ibridi plug-in di terza generazione con marchio EQ Power, sono già in consegna verso i primi clienti. Per cominciare, Mercedes-Benz punta su Classe C, Classe E e Classe S. Nei modelli ibridi, la batteria da 13,5 kWh è abbinata a un motore a benzina oppure, per la prima volta, a un diesel (su Classe C, Classe E, GLC e GLE). In questo caso, si può usufruire di 122 cv aggiuntivi (grazie al full electric) e a una coppia di 440 Nm: in questo modo, le vetture ibride plug-in diesel della Stella raggiungono un’autonomia di oltre 50 km ad emissioni zero a una velocità fino a 130 km/h. Con questa tecnologia (disponibile da questo mese su E e C), il motore diesel efficiente OM654 è abbinato all’unità elettrica EQ Power che consente alla vettura di disporre delle prestazioni tipiche di un 3.0 cc. In più, a fronte di prestazioni elevate e consumi contenuti, queste vetture hanno il vantaggio dell’esenzione da oneri e limiti alla circolazione: non è previsto ecomalus e neppure il bollo mentre nelle grandi città è possibile usufruire di parcheggi gratuiti e di accedere alle Ztl (in maniera gratuita o agevolata). Per la prima volta in assoluto, la tecnologia ibrida-plug si abbina alla cella a combustibile a bordo del nuovo Mercedes-Benz GLC F-CELL (consumo di idrogeno combinato: 0,34kg/100 km, emissioni di CO2combinate: 0 g/km, consumo di corrente ponderato: 13,7 kWh/100 km). Con il debutto internazionale della Mercedes-Benz EQC (consumo di energia combinato: 22,2 kWh/100 km; emissioni di CO2combinate: 0g/km, dati provvisori)qualche settimana fa Mercedes ha presentato la capostipite del suo nuovo marchio EQ. Con prezzi a partire da 71.281 euro per la versione base, già riccamente equipaggiata EQC è a tutti gli effetti una Mercedes ’emozionale e intelligente’. Entro il 2022 entreranno a far parte della gamma di vetture EQ altri modelli elettrici a batteria. A tutto ciò si aggiunge la tecnologia EQ Boost, ovvero l’elettrificazione dei moderni propulsori a combustione interna con l’integrazione di una rete di bordo a 48 V che consente di sfruttare 14/22 cv del motore elettrico. A seconda della motorizzazione, l’alternatore-starter, integrato o azionato a cinghia, svolge le funzioni dei sistemi ibridi come boost o recupero di energia, consentendo un risparmio sui consumi che finora era riservato alla tecnologia ibrida ad alto voltaggio.

Rispondi