Prima Pagina>Motori>Nasce negli Stati Uniti la grande alleanza per l’idrogeno
Motori

Nasce negli Stati Uniti la grande alleanza per l’idrogeno

 
ROMA – Si chiama Western States Hydrogen Alliance (Wsha) la nuova alleanza formata da rappresentanti dell’industria Usa dell’idrogeno e delle celle a combustibile che si propone di promuovere la rapida adozione di camion, autobus, locomotive, navi, aerei e fuoristrada a celle a combustibile a idrogeno in tutti gli Stati Uniti occidentali. La Wsha è formata da figure di spicco del settore delle celle a combustibile a idrogeno e si concentrerà sullo sviluppo e la diffusione della tecnologia delle celle a combustibile in più settori commerciali di 13 Stati occidentali statunitensi. La formazione dell’intesa si verifica sulla scia di una ventata di attività nel settore dell’idrogeno che si è recentemente manifestata sia nella produzione di energia, sia nei veicoli, in particolare nei veicoli pesanti a lungo raggio. Tra l’altro, quest’anno la California ha introdotto l’Advanced Clean Trucks Act, che impone nei prossimi anni a produttori di autocarri e autobus di vendere unità elettrificate in misura sempre maggiore fino alla soglia del 2045 quando saranno messi al bando i veicoli pesanti non pienamente ecocompatibili. Recentemente poi la coreana Hyundai ha svelato la propria strategia commerciale che ha come obiettivo quello di fornire oltre 12.000 unità all’idrogeno al mercato nordamericano entro il 2030. Inoltre, Toyota ha appena annunciato che con Hino Motors ha esteso la cooperazione per i veicoli commerciali elettrici e intende sviluppare un camion da 40 tonnellate con trazione a celle a combustibile per il mercato nordamericano (il primo prototipo test è previsto nella prima metà del 2021). “Le celle a combustibile a idrogeno alimenteranno il futuro della mobilità a emissioni zero in questi settori pesanti e difficili da elettrificare – ha spiegato Bekemohammadi, direttore esecutivo della Wsha – Il fatto è indiscutibile. Questa nuova alleanza nasce per garantire che il governo e l’industria possano lavorare insieme in modo efficiente per accelerare l’avvento di questa rivoluzione”.
 
Per stabilire un collegamento tra l’industria e il governo, è stato istituito invece un comitato consultivo esterno composto da funzionari attualmente eletti e nominati dagli Stati Uniti occidentali, che dovrebbe sostenere le attività politiche e di lobbying dell’organizzazione. Tra i membri fondatori dell’alleanza troviamo Capacity Trucks, El Dorado National, Golden Gate Zero Emission Marine, Hyundai, Plug Power, Protium Company e Ballard Power Systems. Roxana Bekemohammadi ha anche anticipato che saranno annunciati altri nuovi componenti nel corso dei prossimi giorni, a cui si aggiungerà un elenco di iniziative la Wsha prevede di avviare in tutta la regione occidentale. I membri sono interessati sia ad aumentare la rapida diffusione delle applicazioni esistenti, sia a lavorare insieme per accelerare lo sviluppo della tecnologia dei veicoli a celle a combustibile a idrogeno in nuove applicazioni. Da segnalare che gli Stati Uniti occidentali non sono l’unica regione a stringere alleanze, che stanno emergendo in tutto il mondo, poiché gli operatori del settore energetico e dei veicoli danno vita a partnership e ad accordi infrastrutturali. Proprio in questo periodo, ad esempio, si sta formando una Japanese Hydrogen Alliance, mentre molti paesi, tra cui Australia, Francia, Germania, Cina e Corea, si sono dotati di strategie complessive per l’economia a base idrogeno al fine di influenzare la transizione dei settori difficili da elettrificare e per diversificare il fabbisogno di risorse. Proprio il mese scorso lo specialista canadese delle celle a combustibile Ballard e il fornitore tedesco Mahle hanno unito le forze per industrializzare i sistemi di celle a combustibile per veicoli commerciali. Sebbene la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno stia ora emergendo in tutti i mercati, in particolare negli autobus, negli aerei, nelle navi e nei camion, è ancora una tecnologia emergente e si svilupperà enormemente nel prossimo futuro. (m.r.)

Advertisements

Fonte www.repubblica.it

Rispondi