Prima Pagina>Motori>Nelle Filippine giorni contati per le coloratissime jeepney
Motori

Nelle Filippine giorni contati per le coloratissime jeepney

Giorni contati per le 250mila jeepney, quei coloratissimi mezzi per il trasporto collettivo, che affollano le strade di Manila e delle altre città delle Filippine fornendo una economica soluzione (il biglietto costa da 8 a 9 pesos, cioè 0,13/0,15 euro). Il Presidente Rodrigo Duarte, nonostante le proteste degli addetti ai lavori – circa 600mila persone – e degli utenti, è intenzionato a concludere entro il prossimo anno l’iter avviato nel 2017 per la messa al bando di questi veicoli, che sono tecnologicamente molto arretrati, per migliorare la sicurezza sulle strade e la qualità dell’aria. Nei giorni scorsi gli autisti delle jeepney hanno annunciato uno sciopero di vaste dimensioni, che potrebbe creare il caos totale nel traffico di Manila. La disputa è sugli aiuti che il Governo ha deciso per spingere alla rottamazione dei caratteristici minibus a 12-13 posti (derivati dalle vecchie Jeep militari) e sostenere l’acquisto di mezzi più moderni. Ognuno di questi pulmini di attuale generazione costa infatti il corrispettivo di 30mila euro, mentre una jeepney si compra per un quarto di questa cifra. Lo Stato eroga per ogni mezzo rottamato il corrispettivo di 1.500 euro e l’operatore deve farsi finanziare il resto della somma (evidentemente molto alta) dalle banche. Visto l’alto valore artistico di questi veicoli – tradizionalmente decorati con ritratti iper-realisti e altre immagini – non c’è che da sperare che questa situazione spinga i collezionisti di tutto il mondo ad acquistare le jeepney più belle, sostenendo così un pensionamento che è ormai inevitabile.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *