Prima Pagina>Motori>Peugeot 308 GTi, debutta il 6 luglio sul circuito di Adria
Motori

Peugeot 308 GTi, debutta il 6 luglio sul circuito di Adria

Debutta in Italia la nuova Peugeot 308 TCR, la compatta del Leone votata al mondo delle competizioni e diretta discendente della 308 GTi, la sportiva stradale più potente del brand francese. Questa versione performance scenderà in gara, il prossimo 6 luglio, all’autodromo internazionale di Adria (RO) nella Serie Turismo segnando un ritorno in pista per la media Peugeot, dopo l’esperienza maturata con la 308 Racing Cup di qualche stagione fa. Design accattivante e aggressivo, la 308 TCR può contare su ben 350 CV erogati dal motore PureTech turbo da 1,6 litri derivazione di quello della 308 GTi stradale, accoppiato però ad un cambio sequenziale con paddle al volante. Possente anche l’impianto frenante, con dischi da 370 mm, senza dimenticare le generose ruote da 18”, come da regolamento (in luogo dei 19″ del modello stradale). Potenza, un’aerodinamica da DTM ed un peso contenuto in soli 1.100 kg, sono la premessa ideale per performance di grande livello in una disciplina molto combattuta.

Realizzata direttamente da Peugeot Sport, la divisione della Casa del Leone che si occupa della progettazione e sviluppo delle auto da competizione, la 308 TCR conta sua una produzione molto limitata: sono solo 7, infatti, i telai costruiti sino ad oggi. Proprio il telaio ‘007’ è stato destinato al mercato italiano e sarà protagonista anche di un reality a puntate e affidata al 5 volte campione italiano Massimo Arduini. Lo stesso Arduini avrà il compito di raccontare il ‘dietro le quinte’ della vita da pilota, portando alla luce emozioni, tecnica, preparazione e dinamiche di pista della nuova Peugeot 308 TCR. Occhi inoltre puntati su strategie, personaggi (dai direttori di gara ai responsabili delle sale monitor degli autodromi in cui la vettura sarà impiegata, passando per i tecnici dei pneumatici, gli ingegneri di pista e i meccanici), sicurezza, abbigliamento e perfino aspetti assicurativi. Il tutto includendo anche il difficile punto di vista del pilota, rappresentato nella sua veste più vera con paure, indecisioni e adrenalina ai massimi livelli.

Rispondi