Sono 7.500 i cosiddetti ‘furbetti del navigatore’ pizzicati dalla polizia tirolese lo scorso fine settimana lungo l’asse del Brennero. Come già avvenuto la scorsa estate, anche durante la stagione turistica invernale tali divieti dovrebbero impedire l’intasamento di strade secondarie con le macchine di turisti che, seguendo le indicazioni di Google Maps e simili, escono dall’autostrada per evitare le code.
    Gli automobilisti sono stati invitati dalla polizia a fare marcia indietro per tornare poi sull’autostrada. Sono comunque numerose le multe da 60 euro inflitte ai ‘furbetti’ irremovibili. Secondo il governatore tirolese Guenther Platter del partito popolare Oevp e della sua vice verde Ingrid Felipe, questi numeri confermano l’utilità dei divieti. Tenere libere le strade secondarie permette anche ai soccorsi di raggiungere tempestivamente il luogo dell’incidente, precisa Felipe.
   

Rispondi