Prima Pagina>Motori>Salone Parigi 2020, proprietà cerca partner specializzato
Motori

Salone Parigi 2020, proprietà cerca partner specializzato

Voglia di cambiamento a Parigi, e più precisamente nella sede di PFA – Plateforme Automobile – l’ente che in Francia raggruppa tutta la filiera dell’automotive. Luc Chatel, che guida PFA, ha infatti annunciato che AMC Promotion, originariamente unico soggetto a cui era demandata l’organizzazione del Salone di Parigi, dovrà confrontarsi dalla prossima edizione con un partner specializzato in questo tipo di eventi. Guardando all’edizione 2020 del ‘Mondial’ PFA ha anticipato che breve verrà lanciato un bando per ”trovare il miglior partner possibile”. Dal febbraio 2018 PFA è diventato proprietario di questo evento a seguito dell’assorbimento del Comitato dei Saloni, lasciando a AMC Promotion la posizione di ‘appaltatore principale’. Parlando del Mondial de l’Automobile del 208 e dei suoi risultati positivi nonostante le molte defezioni, Chatel ha detto ”È perché sta andando bene che dobbiamo migliorare, il Salone di Parigi deve reinventarsi, essere lo spettacolo che incarna questa trasformazione dell’automobile, rendere il Mondial de Paris l’evento internazionale di riferimento, all’avanguardia dell’ecosistema automobilistico e della mobilità. In una parola, deve ritrovare lo spirito pioneristico”.

Rispondi