Dopo Jimny Gan, anche l’altra novità che a giugno fu esposta nello stand Suzuki in occasione del Parco Valentino Motor Show entra nel listino auto di Suzuki Italia. E arriva in commercio la serie speciale a tiratura limitata Vitara Katana. Un tributo alla moto più iconica della gamma Suzuki e all’ omonima spada tradizionale dei samurai giapponesi che ispirò la sua antenata del 1981. L’allestimento è disponibile in sole 100 unità, inviate a ciascun Concessionario Suzuki.

Vitara Katana – spiega un comunicato – nasce sulla versione 1.0 Boosterjet Cool a cambio manuale e può essere ordinata con la trazione anteriore oppure con quella integrale AllGrip Select. I prezzi delle due varianti sono di 23.630 e 26.630 Euro – IVA e vernice metallizzata incluse – e includono un secondo set di cerchi in lega con pneumatici invernali.

Tutti e 100 gli esemplari sono realizzati nella tinta Grigio Londra, con spoiler posteriore in tinta con la carrozzeria, numerosi dettagli neri e accenti rossi sia all’esterno che nell’ abitacolo, con una livrea molto simile a quella della moto alla quale si ispira. Le cromature della griglia frontale di Vitara lasciano qui il posto al nero, utilizzato anche per le cornici delle luci diurne DRL.

I cerchi montati sono neri opachi, mentre un secondo set di ruote BiColor viene consegnato al Cliente, insieme ad un treno di gomme AllSeason o invernali con sensori TPMS integrati. Altri segni distintivi sono le protezioni laterali off-road, il badge con la spada sulla cornice delle porte anteriori e la scritta KATANA sul montante posteriore. Quest’ultima è rossa come i listelli sui paraurti, i fregi laterali del cofano e le cornici per le bocchette dell’aria nell’abitacolo. L’attenzione al dettaglio raggiunge anche l’esclusivo orologio Kanji al centro della plancia, le cui grafiche esaltano la tradizione giapponese.

La generazione attuale di Vitara è erede del modello originario che nel 1988 creò la formula del suv compatto, unendo una spiccata vocazione urbana, un comportamento stradale e doti fuoristradistiche.

La vettura è spinta dal motore 1.0 Boosterjet che, grazie alla sovralimentazione con turbocompressore, risponde sempre in modo brillante all’acceleratore. Il tre cilindri eroga la generosa coppia di 170 Nm tra i 2.000 e i 3.500 giri e dispone di una potenza massima di 112 cv a 5.500 giri. Questi valori si traducono in un’erogazione vigorosa e in riprese vivaci sin dai bassi regimi, quelli più importanti nell’uso quotidiano. Questo propulsore ha un consumo medio dichiarato di 5,3-5,4 litri di benzina ogni 100 km (ciclo NEDC). Per sfruttare al massimo la polivalenza di Vitara Katana, si può optare per la trazione integrale a controllo elettronico 4×4 AllGrip Select. Con questa trasmissione, il guidatore ha l’opportunità di selezionare quattro modalità di guida (Auto, Sport, Snow e Lock), ognuna delle quali opera poi con una strategia diversa per adattarsi al fondo e allo stile di guida.

Quanto alla dotazione, Vitara Katana rispecchia la filosofia Suzuki “tutto di serie, senza sorprese”: gli esemplari 2WD montano di serie clima automatico, schermo touchscreen 7′, Bluetooth, compatibilità Android Auto, Apple CarPlay e MirroLink, videocamera posteriore, cruise control, sedili riscaldati, fendinebbia, vetri privacy, 7 airbag e bracciolo centrale con un vano portaoggetti. Quelli 4WD vedono il cruise control diventare adattivo e offrono in più sofisticati dispositivi di guida semiautonoma. Tra loro vanno ricordati i sistemi ‘guidadritto’ (mantenimento della corsia), ‘attentofrena’ (frenata automatica d’emergenza), ‘restasveglio’ (monitoraggio dei colpi di sonno), ‘occhioallimite’ (riconoscimento dei segnali stradali) e ‘vaipure’ (controllo degli angoli ciechi in retromarcia). 

Rispondi