Per il 2020 “contiamo su una stabilizzazione, ma su una grossa crescita non conta nessuno”: sono queste le previsioni sul mercato dell’auto secondo il Ceo di Wolkswagen, Herbert Diess, in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung rilasciata a Davos. “Dopo un positivo 2019, in cui siamo riusciti a guadagnare quote di mercato, ora vogliamo una svolta con le auto elettriche con molti nuovi modelli, vogliamo raggiungere gli obiettivi per quanto riguarda le emissioni e mantenere i nostri margini” ha continuato Diess.
    All’esortazione della giovane attivista Greta Thunberg di non fare abbastanza in fretta per mettere in pratica quanto è necessario per la protezione del clima, il Ceo di VW risponde: “La mia impronta di CO2 è relativamente grande, soprattutto per il viaggi aerei aziendali. Mi sono prefissato una riduzione del 20% che non ho ancora raggiunto. Questo è il mio obiettivo per il 2020. Questa volta ce la farò, ne sono sicuro” ha aggiunto.
    “Non si tratta solo di compensazione ma di riduzione effettiva” ha detto l’amministratore del gruppo riguardo ai certificati di emissione: “Semplicemente comprare certificati di Co2 non è sufficiente”. Riguardo ai problemi di software dei modelli di auto elettrica ID.3, prevista sul mercato per quest’anno, Diess ammette che ci sono delle difficoltà ma rassicura che verranno risolte prima dell’estate. Il rivale più temibile, tra i diversi produttori come Fiat-Psa o Toyota, secondo Diess è Tesla: “Il modello di business dell’industria automobilistica sta cambiando. Tesla è stato il primo a capirlo”.
   

Rispondi