Prima Pagina>Motori>Vw rende omaggio fine produzione Maggiolino alla 1000 Miglia
Motori

Vw rende omaggio fine produzione Maggiolino alla 1000 Miglia

Volkswagen rende omaggio alla fine della produzione del Maggiolino, facendo rivivere quest’anno una delle tappe della storia di questo modello costellata di successi nelle gare di velocità e nei rally. Lo fa con la partecipazione di due esemplari d’epoca del Maggiolino alla leggendaria 1000 Miglia.

Questo modello, al pari di auto sportive ben più lussuose e performanti, ha segnato la storia della 1000 Miglia negli Anni ’50. E’ il caso della vettura guidata da Paul-Ernst Straehle che sorprese tutti nel 1954 con il suo Maggiolino soprannominato Dapferle. L’auto era basata su un esemplare di produzione del 1948 ma ‘elaborata’ con con componenti della Porsche 356. Questa vettura ottenne successi stupefacenti alla 1000 Miglia, con il primo posto nella classe fino a 1.300 e terzo in quella fino a 1.500.

Alla rievocazione del 2019, Volkswagen è presente al via con un Maggiolino Pretzel del 1951 e un Maggiolino Ovali del 1956, modificati per replicare i loro storici predecessori. Le regole sono rigorose: possono partecipare solo le auto che dimostrano di aver gareggiato alla 1000 Miglia tra il 1927 e il 1957, con componenti identici agli originali. Il Maggiolino Ovali è una replica autentica, realizzata dalla Volkswagen Classic per le partecipazioni del 2011 e 2012, e dispone di un motore di origine Porsche da 75 Cv. Il secondo Maggiolino è stato modificato con vari componenti Porsche ed eroga 60 Cv; è stato realizzato sulla base dei documenti originali del Dapferle e dell’iscrizione di Straehle alla 1000 Miglia del 1954.

La partecipazione del Maggiolino alla 1000 Miglia è l’ennesimo esempio della passione per questo inconfondibile modello Volkswagen e i suoi successori. Un’epoca che si chiuderà nell’estate di quest’anno, quando l’ultimo New Beetle uscirà dalle catene di montaggio. Dopo oltre 70 anni dall’inizio della produzione del primo modello e 21 anni dopo il lancio della generazione attuale è l’ora dell’arrivederci.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *