Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non passare il tempo con qualcuno che non sia disposto a passarlo con teGabriel Garcia Marquez

Sting e Shaggy, esce l'album "44/876" e si aggiungono nuove date al tour italiano

di Aurora Edoardi
Cos'hanno in comune il rapper giamaicano Shaggy e l'ex Police Sting? La voglia di sperimentare cose nuove e di rendere felici le persone. Insieme hanno prodotto un album e in estate faranno otto concerti in giro per l'Italia
Il rapper giamaicano e il musicista britannico insieme per un album e un tour
Dopo la pubblicazione del singolo "Don't make me wait" esce l'album di Sting e Shaggy

Li abbiamo visti duettare sul palco del Festival di Sanremo 2018. E in estate li vedremo in tour in giro per l’Italia in otto concerti. Sono la coppia che non ti aspetti Sting e Shaggy, provenienza diversa (britannico il primo, giamaicano il secondo), stili musicali differenti (pop il primo, rap il secondo) ma insieme hanno prodotto l’album “44/876”, dal 20 aprile in vendita.

I due si sono conosciuti grazie a Martin Kierszenbaum, attuale manager dell’ex Police (nonché ex responsabile di Shaggy): "Ci incontravamo, ci salutavamo ma non andavamo mai oltre quel saluto", ha raccontato il rapper giamaicano. "Poi è scoccata la scintilla. Un amico in comune ci ha messi in contatto. Eravamo curiosi di capire come far combaciare i nostri stili".

Shaggy ha fatto ascoltare a Sting un brano su cui stava lavorando. In un primo momento la loro collaborazione prevedeva solamente la registrazione del singolo "Don't make me wait", poi il progetto si è evoluto: "Mi piacciono le sorprese. Ci siamo incontrati e abbiamo subito notato di avere delle cose in comune", ha spiegato Mister Sumner. "Siamo due persone di due culture diverse che si sono conosciute e in modo naturale hanno cominciato a fare musica insieme". I due cantanti hanno coinvolto nelle lavorazioni del disco musicisti e autori della Giamaica e di New York, come Robbie Shakespeare, Dwayne "iLLwayno" Shippy, Shane Hoosong, Machine Gun Funk, Patexx, Tyrantula, oltre allo storico chitarrista di Sting Dominic Miller.

Il titolo dell’album "44/876" deriva dall’unione del prefisso telefonico del Regno Unito (44) con quello della Giamaica (876). “Con la nostra collaborazione vogliamo lanciare anche un messaggio politico: cantiamo la gioia di essere felici" hanno raccontato Sting e Shaggy. "Abbiamo gli stessi valori e le stesse idee. A entrambi piace aiutare le altre persone, ad esempio. Sting mi ha dato un sacco di lezioni sia sul fare musica sia sulla vita in generale. È una persona che ama prendersi cura di te".

In estate Sting e Shaggy saranno in Italia per vari concerti: 26 luglio a Santa Margherita di Pula (CA), 28 luglio a Roma, 29 luglio a Verona, 30 luglio a Napoli, 1° agosto a Taormina, 3 agosto ad Ascoli Piceno (Piazza del Popolo), il 4 agosto a Trani (Piazza della Cattedrale) e il 5 agosto a Cattolica (Arena della Regina).