Tanta emozione a Osimo per il primo concerto post-covid. Un’esplosione di applausi. Appena l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, diretta da Alessandro Bonato, ha terminato l’esecuzione del “Divertimento per archi n. 1 in re magg. K. 136 di Wolfgang Amadeus Mozart”, il pubblico presente in sala – circa 140 persone, cioè l’equivalente del tutto esaurito nelle attuali condizioni post-covid – ha accolto con grande entusiasmo il ritorno della musica dal vivo.

Quello di sabato a Osimo, è stato il primo concerto, con oltre trenta professori di orchestra della FORM sul palco del Teatro La Nuova Fenice, dopo il lungo digiuno cui la pandemia ha costretto tutti da fine febbraio.

Fabio Tiberi Alessandro Bonato

Distanziamento sociale, misurazione della febbre prima di entrare, igienizzazione delle mani, registrazione con nome, cognome e numero di telefono: tutte procedure oggi necessarie per far entrare in sala le persone. Passaggi anche semplici, ma che creano momenti di attesa; tanta la voglia di tornare in teatro ad ascoltare l’orchestra che i minuti in fila passano veloci.

Grande successo, quindi, per la FORM e tanta emozione, sia da parte del pubblico che ha richiesto il bis, sia dai musicisti stessi che sono tornati a “casa propria”.

“Per il concerto del vivo – ha affermato il direttore d’orchestra Bonato – ci sono tre elementi indispensabili: il primo siamo noi musicisti, quindi le maestranze che rendono possibile lo spettacolo grazie alla preparazione della sala, e poi voi che siete in teatro insieme a noi. Perché lo spettacolo sia unico, abbiamo bisogno di voi e del vostro calore”.

L’energia trasmessa dal concerto, uno dei primissimi in Italia, è il segno della rinascita a cui l’Orchestra Filarmonica Marchigiana ha puntato con dedizione e forte volontà.

“Siamo tornati – hanno dichiarato all’unisono il presidente Carlo Pesaresi e il direttore artistico Fabio Tiberi – e siamo felicissimi di poter riprendere la nostra attività. Ora la programmazione andrà avanti durante l’estate con concerti ad Osimo, Porto Recanati, Fermo, Fabriano, Ancona, Jesi, con varie formazioni che dovranno tener conto dei luoghi disponibili. Il prossimo concerto sarà il 3 luglio proprio qui ad Osimo con un Ensemble di fiati”.