Otto romani su dieci bocciano la sindaca Virginia Raggi e la sua Giunta e non la rivoterebbero alle prossime elezioni, dove la favorita in caso di candidatura sarebbe la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, seguita da Carlo Calenda e Alessandro Di Battista. A pesare sull’insufficienza affibbiata dai cittadini all’amministrazione M5S sono la situazione dei rifiuti, delle strade, del traffico e dei trasporti, oltre a una qualità di vita percepita in costante calo. Sono alcuni dei risultati del sondaggio realizzato da Tecné per l’Agenzia DIRE sulle intenzioni di voto a Roma in vista delle elezioni amministrative 2021, sia per quanto riguarda le liste che i possibili candidati a sindaco, presentato oggi nella Sala Caduti di Nassirya del Senato, a Palazzo Madama, dal direttore dell’Agenzia DIRE, Nico Perrone.

LE INTENZIONI DI VOTO 
In una corsa a tre al primo turno, Giorgia Meloni sarebbe avanti con il 27%, inseguita da Calenda al 19%. Per il M5S al variare del candidato le cose cambierebbero di molto poco: Raggi raccoglierebbe il 10%, Di Battista l’11. Nelle sfide a due, Meloni risulta vincitrice in ogni duello: Raggi e Di Battista raccoglierebbero rispettivamente il 12 e il 13% con Meloni staccata al 28% (astensione tra gli intervistati rispettivamente al 60 e al 59%), solo Calenda in un eventuale ballottaggio potrebbe impensierire la leader di Fdi, con il 20% a fronte dello stabile 28% di Meloni (l’astensione in questo caso scende al 53%).

IL GIUDIZIO SULLA GIUNTA RAGGI 

L’82% dei cittadini romani boccia sonoramente l’operato della Giunta capitolina, solo il 9% gli assegna un ‘6’ e appena il 4% si spinge oltre, con un voto da 7 a 10. Stessa tendenza riguarda il giudizio personale sulla sindaca Virginia Raggi: l’82% le assegna un voto da 5 in giù, mentre le sufficienze sono ferme al 15%. Una valutazione fortemente influenzata dall’opinione dei cittadini rispetto al programma presentato dalla prima cittadina all’inizio del mandato: per il 50% degli intervistati Raggi non ha realizzato nulla di quanto promesso, per il 36% ha fatto poco, solo per il 9% ha realizzato in gran parte il programma. In termini ‘elettorali’, il giudizio negativo è ancora più evidente: in caso di elezioni, l’80% non voterebbe per Raggi (lo farebbe solo il 10%).

Comments are closed.