Prima Pagina>Politica>Dai mutui alle nascite: 1,5 miliardi di aiuti alle famiglie si disperdono in troppi rivoli
Politica

Dai mutui alle nascite: 1,5 miliardi di aiuti alle famiglie si disperdono in troppi rivoli

ServizioWELFARE

Dalle non autosufficienze ai caregiver, tanti strumenti frammentati e con poche risorse: mancano ancora cinque decreti attuativi e la Corte dei conti critica la poca pianificazione

di Michela Finizio

24 luglio 2019


Ecco la nuova “sceriffa” della famiglia

3′ di lettura

Una quindicina di fondi nazionali e quasi un miliardo e mezzo di risorse. Sono questi gli strumenti, poco noti e alcuni non ancora operativi, messi in campo nel 2019 per sostenere politiche mirate a favore delle famiglie italiane. Tutti recentemente potenziati nella dotazione finanziaria. «Sicuramente è necessario un riordino delle misure che negli anni si sono stratificate, generando spesso confusione e frammentazione», afferma la neo-ministra per le Disabilità e la Famiglia, Alessandra Locatelli, in carica dallo scorso 10 luglio.

GUARDA IL VIDEO / Alessia Locatelli, nuova ministra per la Famiglia

La mappatura delle misure

I fondi nazionali sono una parte dei 23 miliardi di budget annuale impegnato per la famiglia, stimato dal Sole 24 Ore nell’inchiesta pubblicata lo scorso 10 giugno. In particolare, la passata gestione del fondo Politiche per la famiglia, nato nel 2007 e rifinanziato con l’ultima legge di Bilancio, è finita nel mirino della Corte dei conti: nella delibera 12/2019/G si parla di «criticità e carenze» sia sul piano della programmazione fino al 2018 sia su quello del monitoraggio degli interventi, in particolare quelli affidati alle Regioni.

LA MAPPA

LA MAPPALA MAPPA

Il fondo è appena stato rilanciato, con il decreto di riparto dei 100milioni di euro per il 2019 firmato il 30 aprile dal predecessore del ministra Locatelli, Lorenzo Fontana: le risorse statali (79 milioni) vengono destinate a sostenere «iniziative di conciliazione del tempo di vita e di lavoro, nonché di promozione del welfare familiare aziendale» e a promuovere la diffusione della «Carta della famiglia» per i nuclei con almeno tre figli con reddito Isee sotto i 30mila euro; altri 15 milioni andranno a cofinanziare iniziative di Regioni ed enti locali «volte a favorire la natalità».

https://www.ilsole24ore.com/art/per-famiglia-15-miliardi-piccoli-aiuti-ACWnNfZ

Rispondi