…genialmente interpretata da Sabina Guzzanti, insiste sul concetto e dice che Salvini “sguinzaglia” i clandestini sul territorio. Evidentemente, li considera cani, come quelli che è per natura è portata ad accudire: dovrebbe fare cabaret

 “Salvini ha sguinzagliato oltre 12 mila clandestini in giro per l’Italia: da parte del ministro dell’Interno è una tattica spregevole quella di creare un problema di sicurezza e sociale, e poi denunciarlo senza risolverlo”. Lo ha affermato la deputata del Pd Debora Serracchiani ricordando le statistiche sull’immigrazione elaborate dall’istituto Ispi mentre è convocato un vertice sull’immigrazione a palazzo Chigi con il premier Giuseppe Conte, il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini e i ministri della Difesa e degli Affari esteri, Elisabetta Trenta ed Enzo Moavero Milanesi.

serracchiani

 

Vista la naturale comicità che ormai è la sola espressione concreta dell’opposizione “de sinistra”, consigliamo agli esponenti del PD in astinenza da potere di costituire una compagnia di giro. Lei e Boldrini, ad esempio, sarebbero un duo eccezionale e raccoglierebbero più gente sulle piazze di quanto possano fare i loro partiti. Comunque poi Serracchiani si riprende e dà i consueti numeri.

“Se questo è il pugno duro della Lega contro i migranti – ha aggiunto Serracchiani – possono cominciare a spaventarsi gli Italiani, che a seguito di una fasulla stretta securitaria si ritrovano 12mila stranieri sconosciuti che circolano liberamente sul territorio. Salvini continua a dire che lo pagano per far arrivare meno clandestini, e invece non li ferma e non li rimpatria, e anche se li prendesse tutti non saprebbe dove metterli”. “Non è lontano il momento in cui i problemi smetteranno di essere messi in conto al Pd – ha concluso Serracchiani – e questo Governo, Salvini in testa, sarà chiamato a rispondere di quello che fa e di quello che non fa”.

Fonte: AGI

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *