Prima Pagina>Politica>Elezioni europee, il trucco del Milanese imbruttito per votare in modo smart (ma da non imitare)
Politica

Elezioni europee, il trucco del Milanese imbruttito per votare in modo smart (ma da non imitare)

 

Votare o non votare? Da un lato, c’è l’esercizio di un diritto/dovere del cittadino, chiamato a scegliere i suoi rappresentanti, in questo caso in Europa (e in alcuni Comuni anche quelli locali). Dall’altro il diritto, e forse anche dovere, del “weekendino” (cit. Milanese Imbruttito) al mare o in montagna (al lago no, “roba da giargiana”) dopo aver passato la setttimana “a fatturare”.

Le elezioni si tengono la domenica, per cui bisognerà, per forza, rinunciare a qualche ora del proprio tempo libero, tornare in città prima del solito e andare alle urne. Chi non lo fa rinuncia al diritto della scelta – senza però rinunciare mai al diritto alla lamentela per quello che succede dopo.

L’idea del Milanese Imbruttito, in questo video, è il sostituto elettorale: perché fare io quello che può fare, a pagamento, un’altra persona al mio posto? Basta un’app e via. Che smart, eh?

Ecco, come tutti sanno, non solo non è consentito dalla legge – ma è anche una cosa molto stupida. Il diritto di voto, in un contesto elettorale sempre e comunque imperfetto, è un diritto che non si può cedere a nessuno, e per fortuna. Già il cittadino cede la pratica della gestione della cosa comune al rappresentante, che appunto cerca di farsi eleggere. Cedere anche il voto è un po’ troppo.

Poi, si sa, votare è importante per la democrazia, ma non la riassume in sé. È, come tutti sanno, affare che va oltre al voto, che si radica in un concetto di partecipazione e responsabilità più ampio, che va seguito ogni giorno.

 

 

 

https://www.linkiesta.it

 

Rispondi