il pattugliatore ormeggiato ad augusta

Cinque paesi Ue, «Germania, Francia, Irlanda, Lussemburgo e Portogallo, più alcune strutture dei vescovi italiani – ha spiegato il vicepremier della Lega – si faranno carico di questi 116 migranti»- Il Procuratore di Siracusa: «A bordo due casi di tubercolosi e di cellulite infettiva, altri 20 di scabbia. In totale sono 29 i migranti con problemi di natura sanitaria»

31 luglio 2019


default onloading pic

2′ di lettura

Soluzione in vista per la vicenda della nave Gregoretti, il pattugliatore della Guardia Costiera fermo nel porto militare di Augusta (Siracusa) dalla notte del 27 luglio con a bordo oltre 100 migranti soccorsi in mare, per i quali il Viminale non ha dato finora il via libera allo sbarco. «Il problema è risolto, nelle prossime ore darò l’autorizzazione allo sbarco perché abbiamo la certezza che i migranti non saranno a carico dei cittadini italiani», ha annunciato oggi il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini in diretta Facebook. Cinque paesi Ue, «Germania, Francia, Irlanda, Lussemburgo e Portogallo, più alcune strutture dei vescovi italiani – ha spiegato – si faranno carico di questi 116 migranti».

Divieto di ingresso in acque italiane per la Sea Eye
Nelle prossime ore «firmerò il divieto ingresso nelle acque italiane: è una ong tedesca, sappiamo tutti dove possono andare, non certo in Italia», ha poi aggiunto il ministro, che insiste nel braccio di ferro politico-diplomatico con le organizzaazioni umanitarie dopo che la nave Alan Kurdi della Ong Sea Eye ha soccorso 40 migranti (tra cui un neonato e due bimbi piccoli) da un gommone alla deriva al largo della Libia. Quella delle Ong, ha chiarito, «è una provocazione continua, si disobbedisce alle leggi italiani e si attacca nei fatti il governo italiano. Salvini ha poi risposto al collega tedesco Horst Seehofer che ieri aveva chiesto che le navi con i migranti non passino giorni in mare prima di attraccare. «No amico mio, non apriamo niente, i porti restano chiusi – ha detto – non siamo il campo profughi d’Europa».

Procuratore Siracusa: a bordo 29 malati,2 gravi
Il procuratore capo di Siracusa, Fabio Scavone, che ieri aveva aperto un’inchiesta sulla vicenda del pattugliatore, ha reso noti i risultati degli accertamenti sulle condizioni igienico-sanitarie dei migranti ospitati a bordo. «Ci sono un caso di tubercolosi e un altro di cellulite infettiva; 20 scabbia e qualche altro caso con diverse patologie. In totale sono 29 i migranti con problemi di natura sanitaria», ha spiegato il magistrato. «Oltre ai due casi di estrema gravità, anche gli altri devono avere le cure», ha concluso.

GUARDA IL VIDEO: La nave Gregoretti in porto ad Augusta, i migranti ancora a bordo

https://www.ilsole24ore.com/art/gregoretti-salvini-prossime-ore-sbarco-116-migranti-ACy9LQc

Rispondi