Prima Pagina>Politica>Lagarde, von der Leyen e il titolo europeo tripla A per rafforzare l’eurozona
Politica

Lagarde, von der Leyen e il titolo europeo tripla A per rafforzare l’eurozona

ServizioSTUDIO PROMETEIA

La creazione di un “safe asset europeo”, un titolo sicuro, alternativo al bund, fa parte del “testamento spirituale” di Mario Draghi, ma in Italia ragionamenti analoghi sono stati portati avanti dalla Banca d’Italia e dal presidente della Consob Savona

di Rossella Bocciarelli

Advertisements

3 luglio 2019


default onloading pic

3′ di lettura

La nuova Europa delle

Advertisements
Wonder women, la tedesca e la francese, sarà certamente chiamata a misurarsi sul tema. Tanto Ursula von der Leyen dalla presidenza della Commissione Ue quanto Christine Lagarde in Bce dovranno confrontarsi con un argomento che non a caso compariva anche nel testamento spirituale di Mario Draghi, al convegno di Sintra. La creazione di un “safe asset europeo”, un titolo sicuro, alternativo al bund, è stata infatti suggerita, in quell’occasione, insieme all’annuncio di una possibile nuova fase espansiva nella politica monetaria di Eurolandia.

Nel nostro paese ragionamenti analoghi sono stati portati avanti dalla Banca d’Italia, che ha ipotizzato la costituzione di un fondo di ammortamento del debito (European Redemption Fund) per mettere in condivisione una quota dei debiti pubblici nazionali dei paesi dell’area euro, senza effetti redistributivi. Ma anche il neo presidente della Consob, Paolo Savona, al suo debutto milanese, ha spiegato che uno “European safe asset” alternativo ai Bund e ai Treasury migliorerebbe la razionalità distributiva della creazione monetaria, governerebbe alcuni disturbi alla stabilità finanziaria, anche provenienti dai debiti sovrani in eccesso, attenuerebbe le divergenze nei tassi d’interesse all’interno dell’eurozona.

E dell’utilità di un titolo privo di rischi, condiviso dai membri dell’Eurozona, in grado di garantire mercati finanziari più integrati e di sostenere l’euro come valuta globale, sono fortemente convinti anche gli esperti della società di consulenza e ricerca economica Prometeia, che all’argomento hanno dedicato un apposito studio.

Si parte dall’osservazione che la crisi economico –finanziaria ha molto accresciuto la domanda di titoli sicuri in Europa. Però tra il 2012 e il 2018 l’offerta di questo tipo di titoli si è ridotta mentre il debito dell’Eurozona saliva. Infatti alla fine del 2018, lo stock totale di titoli sovrani con rating tripla A (oltre l’80 per cento dei quali sono titoli tedeschi) era diminuito di 50 miliardi di euro rispetto al 2012. Nello stesso periodo, il totale dei titoli di stato è cresciuto di 1.488 miliardi di euro.

Come risultato, l’eccesso di domanda di titoli “safe” ha causato un incremento dei loro prezzi e una riduzione dei rendimenti, mentre, come ben sappiamo noi italiani, i titoli governativi con rating più basso hanno dovuto pagare rendimenti più elevati. Tutto questo determina frammentazione finanziaria.

https://www.ilsole24ore.com/art/lagarde-von-der-leyen-e-titolo-europeo-tripla-per-rafforzare-l-eurozona-AC7KsRW

Rispondi