lo stop del consiglio dei ministri

Quella di ieri era l’ultima riunione utile per decidere lo stop a una serie di articoli e commi di quella legge. Che peraltro parlano anche di ambiente e urbanistica oltre che di “misure per favorire i rimpatri” con fondi regionali

di Gianni Trovati

6 settembre 2019


default onloading pic(Ansa)

2′ di lettura

Non è la scelta di impugnare la legge regionale 9/2019 del Friuli Venezia Giulia, decisa giovedì nel primo consiglio dei ministri del Conte-2, ad avviare il cambio di passo giallorosso sulla politica dell’immigrazione. Per una ragione semplice: il semaforo rosso acceso dal governo è l’ultima tappa dell’esame a cui quella legge è stata sottoposta a luglio dal governo Conte-1, quando al ministero degli Affari Regionali sedeva la leghista Erika Stefani.

La crisi d’agosto e la sospensione delle riunioni a Palazzo Chigi hanno fatto il resto. Quella di ieri, quando il governo è tornato nella sala del consiglio anche se con molti attori diversi, era l’ultima riunione utile per decidere lo stop a una serie di articoli e commi di quella legge. Che peraltro parlano anche di ambiente e urbanistica oltre che di «misure per favorire i rimpatri» con fondi regionali.

GUARDA IL VIDEO / Migranti, schiaffo governo a Salvini: cdm impugna legge Fvg

Più delle ragioni dell’impugnativa, allora, è il suo calendario a spiegare la battaglia incendiaria subito esplosa fra la Lega, che con il presidente friulano Fedriga parla di “attacco grave” al Friuli, e il Pd che vuole marcare una differenza netta con la politica migratoria gialloverde. Ma è un calendario, appunto, obbligato. Perché la legge porta la data dell’8 luglio, e il meccanismo che inonda la Consulta di leggi regionali viaggia a tappe forzate. Le scelte legislative delle regioni vengono prese in carico dagli Affari regionali, che le analizzano insieme agli altri ministeri di volta in volta competenti per materia.

LEGGI ANCHE / Fondi spostati dall’accoglienza ai rimpatri, ecco cosa contesta il governo al Friuli

https://www.ilsole24ore.com/art/legge-friuli-bocciatura-avviata-ministra-leghista-stefani-ACSTHbi

Rispondi