Coronavirus, messaggio di Conte alla Nazione: l’Italia ce la farà

3′ di lettura

Alla fine il compromesso è stato: chiudiamo immediatamente le scuole, come chiedevano i ministri del Pd e il titolare della Salute, Roberto Speranza, ma per ora fino al 15 marzo per non creare ulteriore allarme – questa la preoccupazione del premier – nelle famiglie. La decisione è stata ufficializzata solo nel tardo pomeriggio da Conte, dopo che la notizia era già rimbalzata sui principali siti e nelle tv.

Le tensioni dentro la maggioranza
Il presidente del Consiglio ha spiegato che l’attesa è stata determinata dalla necessità di ascoltare il parere degli esperti. Ma quell’intervallo di tempo e la diffusione non coordinata delle notizie conferma anche la tensione dei rapporti all’interno dell’esecutivo con la delegazione del Pd guidata da Enrico Franceschini, sempre più insofferente per come da Palazzo Chigi è stata gestita l’emergenza.

L’insofferenza del Pd
Il partito di Nicola Zingaretti finora è stato il principale alleato e sostenitore del premier, certamente più del M5s alle prese con le sue lotte interne. Ma un conto è dover difendere Conte dagli assalti di Salvini, altro è essere suoi alleati qualora il commander in chief si rivelasse inadeguato a gestire quella che, a tutti gli effetti e senza enfasi, può essere definita una guerra.

L’emergenza economica
La risposta arriverà nelle prossime settimane e dipenderà anzitutto dall’evoluzione dell’epidemia, se la campagna per arginarla, anche attraverso la chiusura delle scuole, mostrerà di aver funzionato. Il tempo dell’emergenza Coronavirus incide infatti direttamente sull’altra grande emergenza destinata ad occupare da ora ai prossimi mesi l’attenzione di tutti: quella economica.

Le oscillazioni di Salvini
È una preoccupazione che impone allo stesso tempo un generale maggior senso di responsabilità. Perché in tempo di guerra i toni da comizio non sono efficaci così come gli attacchi al proprio governo attraverso media esteri, come ha fatto Matteo Salvini nei giorni scorsi. Il leader della Lega ondeggia anche lui tra appelli all’unità, accompagnati anche dalla disponibilità a partecipare a un governo, alle solite sparate contro l’esecutivo su cui sono puntati gli occhi del mondo.

https://www.ilsole24ore.com/art/l-emergenza-e-destini-incrociati-conte-e-salvini-ADa0ECB

Rispondi