Prima Pagina>Politica>L’IMMIGRAZIONE E “LA PASSERELLA”
Politica

L’IMMIGRAZIONE E “LA PASSERELLA”

 

Il problema dell’immigrazione non può essere risolto dall’Italia, da molti anni giungono nel nostro Paese migliaia e migliaia di migranti provenienti dai vari Paesi dell’Africa, sempre sprovvisti di documenti, di loro non sappiamo nulla, la loro VERA provenienza, il loro stato di salute, la loro “fedina penale”. L’Europa continua con il suo MENEFREGHISMO, dimenticando che i confini dell’Italia sono i confini dell’Europa. Queste persone vanno sicuramente aiutate, perché non farlo a casa loro? Perché il “resto” del Mondo, ovviamente la parte più ricca, iniziando dall’Europa non dimenticando i Paesi Arabi, per dare il via a un “Piano Marshall”, ricordando a tutti che, gli abitanti dell’Africa sono 1.216.000.000…..sicuramente l’Italia non può accoglierli tutti.

Da 15 giorni assistiamo al braccio di ferro tra l’Italia eCarol Rackete Comandante della Sea Watch 3 di una ONG Tedesca battente bandiera Olandese, importante ricordare il SILENZIO ASSORDANTE da parte della Germania e dell’Olanda.

Nonostante l’alt intimato dalla Guardia di Finanza, e il NO della Corte di Strasburgo, il Comandante fregandosene delle leggi italiane è entrato.

Subito è iniziata la passerella dei “politici”, per portare la solidarietà al Comandante e ai 42 migranti, veramente imbarazzante che un Deputato o Senatore della Repubblica Italiana porti la propria solidarietà a chi non rispetta le Leggi Italiane. Sono gli stessi “politici” che non ho mai visto portare solidarietà alle famiglie degli imprenditori, artigiani, operai, disoccupati, pensionati, che purtroppo negli ultimi annisi sono suicidati per motivi economici. Non ho mai vistoportare solidarietà ai circa 150.000 giovani costretti ogni anno a lasciare l’Italia dove per loro non c’è futuro, per cercare un lavoro e un futuro in altri Paesi. Non ho mai visto portare solidarietà ai milioni d’invalidi e disabili costretti a sopravvivere con un assegno mensile VERGOGNOSO che non supera i 280 euro. Non ho mai visto portare solidarietà ai Pensionati che con la misera pensione percepita non riescono ad arrivare alla seconda settimana, costretti a rinunciare a una giusta alimentazione e alle cure mediche appropriate.

Questi milioni d’ITALIANI non sono abbandonati da giorni, ma da DECINE di anni!                                                                         Valfredo Porega

                                     Coordinatore Nazionale Pensionati d’Italia in Fratelli d’Italia