buffagni (M5S): no a gare al rialzo

«Su quota 100 faremo una battaglia – spiega Renzi nella sua newsletter – che temo sarà solo una battaglia di testimonianza, visti i numeri». Quota 100 «è una misura che serve per superare la Fornero. È stupido sia politicamente sia tecnicamente modificarla come se fosse una bandiera» replica il vice ministro pentastellato dello Sviluppo economico

18 ottobre 2019


Quota 100 resta. E salta il restyling delle finestre

2′ di lettura

Il Family Act «che investe 20 miliardi in tre anni guardando solo ai pensionandi, è ingiusta: quei soldi dovrebbero andare ai giovani, alle coppie, alle famiglie, agli stipendi e ai servizi». Per questo i parlamentari di Italia Viva voteranno «un emendamento per cancellare Quota 100 e dare quei soldi alle famiglie e agli stipendi: vediamo che cosa faranno gli altri». Alla vigilia della “Leopolda” n. 10, e il leder di Iv Matteo Renzi detta la linea e nella sua e-news torna ai toni da guastatore presentando il programma della kermesse fiorentina, che domani entererà nel vivo con la presentazione della nuova legge sulla famiglia affidata alla ministra delle Pari opportunità Elena Bonetti.

«Su quota 100 faremo una battaglia – spiega Renzi ai suoi – che temo sarà solo una battaglia di testimonianza, visti i numeri». Quanto alla manovra, «siamo molto soddisfatti del blocco all’aumento dell’Iva. Positivo il passo per ridurre interessi sul debito e aumentare soldi sulla famiglia». «Sui microbalzelli – ribadisce – come la sugar tax o le imposte sulla casa o sul desiderio di complicare la vita alle partite Iva invece ci faremo sentire. E sono certo che anche altre forze della maggioranza bloccheranno questi inutili microbalzelli».

A difesa di quota 100, bandiera della Lega e del governo M5s e Lega scende però in campo lo stesso premier Giuseppe Conte, che la considera «un pilastro della Manovra, abbiamo fatto un tavolo e tutte le forze politiche lo hanno accettato. A qualcuno può non piacere, è fisiologico, accetto tutte le opinioni».

Dal fronte pentastellato le richieste di Renzi sono respinte a stretto giro anche dal vice ministro dello Sviluppo economico Stefano Buffagni, che mette in guardia l’alleato dall’avviare una «gara al rialzo» sulla legge di bilancio «perché facciamo un danno al Paese». «Fare il primo della classe non funziona» ha aggiunto Buffagni, riferendosi allo stop ai microbalzelli chiesto dall’ex premier. E Quota 100 «è una misura che serve per superare la Fornero. È stupido sia politicamente sia tecnicamente modificarla come se fosse una bandiera» ha spiegato Buffagni a margine di un evento nell’ex area Expo a Milano. «Io sono dell’idea che si può migliorare tutto, ma no a battaglie ideologiche per avere titoli di giornale, qui si parla della vita delle persone», ha concluso il viceministro.

https://www.ilsole24ore.com/art/manovra-renzi-quota-100-ingiusta-cancelleremo-ACPbs6s

Rispondi