Prima Pagina>Esteri>Migranti: “finalmente l’italia è ascoltata” dice il premier Giuseppe Conte
Esteri Politica

Migranti: “finalmente l’italia è ascoltata” dice il premier Giuseppe Conte

Dire “gufi” porta male, ma alla faccia di costoro, e senza rischio alcuno per i migranti, che si trovano su navi militari ben attrezzate e sicure, l’Italia porta a casa una indubbia vittoria sull’indifferenza interessata dell’Unione europea

“Francia e Malta prenderanno rispettivamente 50 persone dei 450 migranti trasbordati sulle due navi militari. A breve arriveranno anche le adesioni di altri Paesi europei”. Lo scrive su Fb il premier Giuseppe Conte.

“E’ il primo importante risultato ottenuto oggi, dopo una giornata di scambi telefonici che ho avuto con tutti i 27 leader europei”, rivendica il presidente del Consiglio, che spiega il contenuto dei colloqui: “Ho ricordato loro la logica e lo spirito di condivisione che sono contenuti nelle conclusioni del consiglio europeo di fine giugno e che prevedono il pieno coinvolgimento di tutti i paesi dell’Ue. E’ proprio rifacendomi a questi principi, che ho chiesto loro di farsi carico di una parte di questi migranti.
   Le stesse cose – prosegue Conte – le ho ribadite anche nella lettera che, come annunciato, ho inviato proprio oggi al Presidente della Commissione europea Juncker e al Presidente del Consiglio europeo Tusk, sollecitando una attuazione immediata delle conclusioni del Consiglio europeo. Finalmente l’Italia è ascoltata”, conclude il premier.

 “Finalmente l’Italia inizia a essere ascoltata davvero”: così il premier Giuseppe Conte su Fb commenta l’annuncio che Francia e Malta riceveranno ciascuna 50 migranti dei 450 soccorsi a ridosso di Linosa da unità italiane e di Frontes. “E’ un risultato importante ottenuto oggi, dopo una giornata di scambi telefonici e scritti – riferisce Conte – che ho avuto con tutti i 27 leader europei. Ho ricordato loro – prosegue il presidente del Consiglio – la logica e lo spirito di condivisione che sono contenuti nelle conclusioni del Consiglio europeo di fine giugno e che prevedono il pieno coinvolgimento di tutti i paesi dell’Ue”.

Fonte: AGI

Rispondi