Il parallelismo con il decreto sicurezza bis, anche per quanto esposto in un articolo precedente, appare palese, nonostante il Codice non si spingesse a vietare l’ingresso delle navi delle ONG in acque italiane, puntando piuttosto a evitare che esse entrassero nel mare libico, prendessero a bordo migranti e li portassero in Italia. Insomma, la sostanza è la stessa. Ma non è tutto. Un altro degli impegni del Codice Minniti, cioè «non trasferire le persone soccorse su altre navi» salvo autorizzazione, è assimilabile al disposto di un emendamento presentato al decreto sicurezza bis, poi non passato. Al riguardo, Papanicolopulu osservava che tale limitazione «potrebbe andare contro gli obblighi che gravano sui comandanti di mettere al sicuro le persone soccorse». La professoressa notava, in conclusione, come le disposizioni del Codice sembrassero «perseguire il fine pratico di “intimorire” le ONG, che di conseguenza potrebbero diminuire i propri sforzi in materia di ricerca e soccorso»: «fine pratico» che – lo si sottolinea ancora una volta – è comune al decreto Salvini bis, sia pur con le differenze rilevate.

A tutto ciò va aggiunta una considerazione ulteriore. Il suddetto impegno richiesto alle ONG di non entrare nelle acque territoriali libiche, di cui al Codice Minniti, presupponeva da parte dell’Italia il riconoscimento di una zona SAR (Search and Rescue) – attestata poi ufficialmente dall’IMO (Organizzazione marittima internazionale) nel giugno 2018 – nella quale la Libia avesse competenza a svolgere operazioni di soccorso. E pochi mesi prima del Codice l’Italia aveva firmato un Memorandum d’intesa con la Libia, contenente l’impegno da parte del governo (presidente del Consiglio Gentiloni) di fornire supporto tecnico alla guardia costiera libica, proprio in base al riconoscimento di tale zona SAR.

Tuttavia, non solo il citato Memorandum non è giuridicamente vincolante, in quanto non ratificato dal Parlamento (art. 80 Cost.). Ma soprattutto – rilievo ben più grave – vi erano evidenze circa le gravi violazioni dei diritti umani subite dai migranti in Libia «anteriori alla stipula del Memorandum d’intesa del 2 febbraio 2017 e del successivo Codice di condotta» (F. Vassallo Paleologo). In altri termini, il governo precedente non solo aveva adottato un Codice volto a limitare la portata delle operazioni di salvataggio da parte delle ONG, ma aveva affidato alla Libia i soccorsi e, quindi, il successivo sbarco dei naufraghi nei suoi porti, nonostante fossero già noti i crimini compiuti nei campi di detenzione libici. Il filo conduttore che unisce politiche passate e presenti in tema di immigrazione appare evidente: ridurre il ruolo delle navi delle ONG, a qualunque costo, anche in termini di vite umane. Infine, non a caso, a partire dell’adozione del Codice Minniti, le attività delle ONG sono state oggetto di «una violenta criminalizzazione», con «con un irreversibile danno di immagine per queste organizzazioni». Ecco spiegato come si è arrivati al punto attuale.

Non serve aggiungere altro, salvo che la competizione tra il governo precedente e il governo in corso circa quello che ha maggiormente ridotto gli sbarchi sembra non solo poco meritoria, ma un vero e proprio assurdo: in entrambi i casi, gli strumenti utilizzati per ottenere il risultato non possono essere oggetto di vanto.

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/07/15/salvini-minniti-decreto-codice/42869/

Rispondi